Coronavirus a Reggio Calabria: gli Ingegneri donano agli Ospedali Riuniti 2 monitor strumentali multiparametrici

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Gli Ingegneri di Reggio Calabria donano al Gom 2 monitor strumentali multiparametrici atti a garantire l’indispensabile monitoraggio in continuo dei pazienti affetti da COVID-19 in terapia intensiva e sub-intensiva

L’emergenza dovuta al Coronavirus ha generato nel Paese un’ondata di solidarietà che si è concretizzata nell’apertura di raccolte fondi e donazioni a favore degli Ospedali e degli operatori del Settore impegnati nell’emergenza. In questo periodo, l’Ordine degli Ingegneri ha attivato un’opportuna e necessaria interlocuzione con l’Ufficio Tecnico e con il reparto interessato del Grande Ospedale Metropolitano, al fine di valutare le reali ed immediate esigenze atte a contrastare le complicanze delle persone colpite dal VIRUS, analizzando la dotazione indispensabile nei reparti di terapia intensiva e sub-intensiva, e di cui l’Ospedale risulta carente.
In virtù di ciò, già in data 25.03 u.s. è stato deliberato di impegnare le somme necessarie a donare strumentazione tecnologica che si interfacci con le dotazioni esistenti, atta a monitorare i parametri fisiologici dei pazienti.
Si è atteso di darne comunicazione in quanto l’iter non rientra nella modalità di semplice acquisizione da parte del GOM, ma è previsto un iter più complesso in funzione degli importi della strumentazione. L’iter si è concluso con l’emanazione della Delibera del Commissario Straordinario (n.147 del 06.04.2020), con la quale è stata ufficialmente accettata la donazione proposta dall’Ordine.
Si precisa, inoltre, che la donazione è stata effettuata dall’Ordine, ma soltanto come Ente di rappresentanza degli Ingegneri Reggini, in quanto la motivazione indicata nella proposta di donazione è stata la seguente: “Un gesto di solidarietà da parte di tutti gli Ingegneri della Provincia di Reggio Calabria”.
Albert Einstein diceva che “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere” e, come accede in tutte le occasioni tragiche che investono la vita del nostro Paese – basti pensare alle attività di supporto alla Protezione Civile in caso di terremoti o disastri naturali – gli Ingegneri hanno dato dimostrazione dello spirito sociale di cui sono detentori.
Si ringrazia il personale medico dei reparti interessati che, nonostante siano ammirevolmente impegnati a gestire l’emergenza, con le loro indicazioni, hanno consentito di effettuare la scelta della donazione nella maniera più appropriata.