Coronavirus, nel weekend a Reggio Calabria sanzionate 94 persone: “uscite immotivate” e violazione della quarantena obbligatoria, controlli a tappeto della Municipale anche col drone [DETTAGLI]

polizia municipale mascherine

Reggio Calabria, controlli anticovid nel fine settimana della polizia municipale. Sanzionate 94 persone

Mentre la stragrande maggioranza dei cittadini di Reggio Calabria sta rispettando con enorme senso di responsabilità le norme di isolamento sociale disposte dalle autorità locali e nazionali per fronteggiare l’emergenza coronavirus, continuano sul territorio i controlli delle Forze dell’Ordine mirati a evitare che qualcuno possa disobbedire alle regole compromettendo e vanificando gli sforzi della collettività.

In quest’ottica, nell’ambito del complessivo dispositivo di controllo anticovid 19 varato dalla Questura cittadina, la Polizia Locale di Reggio Calabria nei giorni di sabato e domenica ultimi scorsi ha schierato oltre 70 agenti per pattugliare la città. Durante i servizi sono state controllate 368 persone delle quali 56 sanzionate per spostamenti sul territorio immotivati. Significa che le altre 312 avevano valide ragioni per spostarsi rispettando le normative. Sono stati inoltre denunciate due persone per lesioni stradali e una perché ha violato la quarantena obbligatoria nel comune di residenza. E’ doveroso precisare che non si tratta di persone positive al Coronavirus, ma cittadini che non potevano uscire dal loro comune di residenza perchè la Regione ha disposto le zone rosse nelle aree in cui si sono verificati piccoli focolai come ad esempio Melito di Porto Salvo e Montebello Jonico.

Nel weekend inoltre sono stati anche ispezionati 388 esercizi commerciali e/o assimilati dei quali 38 sanzionati per apertura domenicale in contrasto con l’ordinanza della Presidente della Giunta Regionale. Trattasi, per quest’ultima fattispecie, in larga parte di distributori automatici letteralmente presi d’ assalto nella giornata di domenica, con rischio concreto di assembramenti vietati dalla vigente decretazione d’urgenza. Per i controlli è stato utilizzato anche il drone in dotazione alla Polizia Municipale su numerose zone della città, in gran parte deserta e desolata. Un impegno costante degli uomini e delle donne della polizia locale cittadina, diretti dal Comandante e seguito in prima linea dall’assessore Nino Zimbalatti che continuerà in piena sinergia nell’ambito del piano interforze anticovid attivo dal 12 di marzo.