fbpx

Coronavirus: preside Liceo Cassarà Palermo, ‘no a colloqui maturità, rischi focolaio contagio’ (2)

(Adnkronos) – “L’incertezza permane sulla modalità di svolgimento dello stesso, se in presenza o no – spiega ancora la preside Daniela Crimi -Una commissione di esperti, appositamente nominata dal Ministro dell’Istruzione, sta studiando la possibilità di realizzazione del colloquio in presenza. Inoltre dovrebbe essere assicurato il distanziamento fisico tra tutti”.
“Ebbene, in ogni commissione intervengono almeno sette commissari (un presidente e 6 docenti, se non di più per la presenza del docente di sostegno), un candidato ed almeno un testimone; di conseguenza ogni scuola dovrebbe avere disponibili aule di tale ampiezza da garantire il giusto distanziamento per ciascuna commissione, cinque nella scuola che dirigo io con 10 classi di esame – dice Crimi -Evidentemente non tutti gli Istituti, almeno a Palermo, dispongono di aule così ampie e ventilate”.
E ancora: “Si consideri inoltre che il corpo docente è costituito da insegnanti non più giovanissimi, teoricamente a rischio. Tutti questi motivi impediscono, a mio parere, lo svolgimento del colloquio in presenza, anche se tutti lo avremmo tanto desiderato, per regalare a questi ragazzi almeno il sogno e l’emozione dell’ultimo giorno di scuola. La salute e la vita, tuttavia, vengono prima di ogni romantico pensiero”.