fbpx

Coronavirus: Mattarella sente Conte e ministri in vista di Consiglio Ue/Adnkronos (2)

(Adnkronos) – Un presupposto che naturalmente può rendere la posizione italiana più forte sui tavoli europei al fine di attivare tutti quegli strumenti che consentano al nostro Paese di beneficiare dei necessari aiuti e quindi ai cittadini “di avvertire l’efficace vicinanza dell’azione dell’Unione”.
Soprattutto alla vigilia di un appuntamento cruciale come il Consiglio europeo di giovedì prossimo, che può e deve rappresentare una svolta. Se infatti, come Mattarella rimarcò già a fine marzo,”la Banca Centrale e la Commissione hanno assunto importanti e positive decisioni finanziarie ed economiche, sostenute dal Parlamento europeo, non lo ha ancora fatto il Consiglio dei capi dei governi nazionali. Ci si attende che questo avvenga concretamente”.
“Sono indispensabili -affermò sempre in quell’occasione il Capo dello Stato- ulteriori iniziative comuni, superando vecchi schemi ormai fuori dalla realtà delle drammatiche condizioni in cui si trova il nostro Continente. Mi auguro che tutti comprendano appieno, prima che sia troppo tardi, la gravità della minaccia per l’Europa. La solidarietà non è soltanto richiesta dai valori dell’Unione ma è anche nel comune interesse”.