fbpx

Coronavirus: leader comitato Trivulzio, ‘urgente intervenire prima che muoiano tutti’

Milano, 17 apr. (Adnkronos) – Alessandro Azzoni, 45 anni, fondatore del ‘Comitato verità e giustizia vittime Trivulzio’, oggi firmerà un’istanza urgente da presentare a Tiziana Siciliano, pm della Procura di Milano che sta indagando sui morti sospetti al Trivulzio. Quello che chiederà, spiega in un’intervista a Repubblica, è “una misura cautelare che potrebbe essere un sequestro preventivo per giungere possibilmente ad un commissariamento del Pio Albergo e per intervenire su una gestione manageriale e sanitaria disastrosa, un caos che rischia di aggravare le conseguenze dell’epidemia”. Secondo Azzoni, la cui madre Marisa, 76 anni, è ancora nella casa di cura, “il reato è ancora in corso in quei reparti. Ed è urgente intervenire prima che muoiano tutti”.
Azzoni è convinto che al Pat non abbiano preso “nessun provvedimento per salvare i nostri cari”. Negli ultimi giorni, racconta nell’intervista, “ho ascoltato storie agghiaccianti di malasanità e ingiustizia che si sono consumate fra quelle mura e che vanno raccontate. Tante persone sono state infettate dagli stessi medici e infermieri invitati a non mettere le mascherine, mentre il virus passava da un letto all’altro e venivano accettati pazienti Covid dagli ospedali. è un dovere – afferma – fare una battaglia per dare alla morte un briciolo di dignità. Molti di noi non potranno più abbracciare mamma o papà. Ma almeno avremo giustizia”.