fbpx

Coronavirus: Gasparri, ‘scarcerazioni pericolosi detenuti, Csm cacci giudici’

Roma, 25 apr. (Adnkronos) – “Si chiama Rosanna Calzolari il giudice di sorveglianza milanese che avrebbe disposto il differimento della pena ai domiciliari, a casa della moglie, per Domenico Perre, che fu tra i rapitori dell’imprenditrice Alessandra Sgarella”. Lo sottolinea il senatore Maurizio Gasparri (Fi).
“La giustificazione riguarderebbe alcuni problemi di natura cardiaca che affliggono Perre e il magistrato avrebbe disposto il trasferimento in una abitazione di Platì, in provincia di Reggio Calabria. Circostanza che ci appare non credibile. Platì è forse un luogo dotato di strutture all’avanguardia per le cure cardiologiche? Ma questa Calzolari in che mondo vive? Cosa aspetta il CSM per radiarla dalla magistratura?”.
“E come lei chiediamo la cacciata dalla magistratura di coloro che hanno disposto la scarcerazione di Michele Zagaria, detenuto a Nuoro in regime di 41-bis. Il Dap, il Dipartimento per l’Amministrazione Penitenziaria, afferma di avere fornito alla magistratura gli elementi richiesti. Chi ha ragione e chi ha torto? I magistrati di sorveglianza si stanno rendendo responsabili di scelte gravissime delle quali dovranno rispondere. Chiedo pubblicamente che il CSM li cacci su due piedi”.