fbpx

Coronavirus: Gallera, ‘Lombardia ha retto meglio di New York e Madrid’

Milano, 24 apr. (Adnkronos) – “Qui è scoppiata la bomba atomica, il primo caso nel mondo occidentale è stato quello della Lombardia, il cratere è stato tra Lodi, Bergamo, Brescia. Noi abbiamo aree della nostra regione con numero di positivi e decessi nettamente inferiori a Venezia, Verona, Reggio Emilia. Vogliamo dire che in una parte della nostra regione siamo stati bravi a fare medicina del territorio, a salvare la vita delle persone e siamo stati incapaci in un’atra area? Mi sembra una ricostruzione francamente un po’ bislacca, qui è arrivato senza presentarsi il virus, si è diffuso, ha girato nei bar, negli ospedali per almeno 25 giorni e a un certo punto l’insieme delle persone infette ha fatto esplodere tutto questo”. Lo spiega l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera ospite della trasmissione tv ‘Aria pulita’.
“C’è chi dice la partita Atalanta-Valencia abbia avuto un ruolo importante, chi dice l’aeroporto di Orio al Serio, chi dice il dinamismo produttivo di quelle aree, ci saranno motivi che poi gli statistici ci diranno ma il dato è che li c’è stata una concentrazione”, spiega l’assessore che rivendica i risultati raggiunti.
“Quello che e è successo qui e come lo abbiamo gestito ha prodotto molto meno morti e danni di quello che è successo a New York, a Madrid, a Bruxelles, altre grandi megalopoli o aree densamente popolate e produttive travolte dal virus che hanno avuto molti più positivi e molti più morti di quelli in Lombardia a dimostrazione che noi qui abbiamo retto una grande ondata”, conclude Gallera.