Categoria: EDITORIALIEMERGENZA CORONAVIRUSNEWS

Coronavirus, Conte: “gli italiani dovranno rimanere a casa anche a Pasqua, poi ci sarà una fase 2 di convivenza con il virus ma non posso dire da quando”

Coronavirus, la conferenza stampa del Premier Conte in diretta

Si iniziano a vedere gli effetti positivi dopo la chiusura ma chiediamo un ulteriore sforzo e non possiamo allentare le misure, se le allentassimo gli sforzi sarebbero vani e pagheremmo un prezzo altissimo e non possiamo permettercelo. Ho firmato il decreto che proroga i blocchi fino al 13 Aprile“. Lo afferma il premier Giuseppe Conte durante una conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Coronavirus, Conte: “non siamo in condizione di poter allentare le misure”

Il nostro Paese “sta attraversando una fase acuta dell’emergenza. I decessi sono una ferita che mai potremo sanare. Non siamo nella condizione di poter allentare le misure che abbiamo disposto e risparmiare sacrifici“. Lo ha affermato il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, nel corso di una conferenza stampa.

Coronavirus, Conte: “pochi irresponsabili danneggiano tutti”

C’e’ una sparuta minoranza di persone che non rispetta le regole: abbiamo disposto sanzioni severe e misure onerose. Non ci possiamo permettere che l’irresponsabilita’ di alcuni rechino danni a tutti“. Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Coronavirus, Conte: “spiace per Pasqua ma ci sarà ancora regime restrittivo”

Il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, nel corso di una conferenza stampa, ha spiegato che “mi spiace che le misure cadano in concomitanza con la Pasqua. Ma saremo purtroppo ad affrontare anche questa festivita’ con questo regime restrittivo“.

Coronavirus, Conte: “prepariamo ‘fase 2’, partirà quando avremo l’ok degli scienziati”

Gli italiani dovranno rimanere a casa anche a Pasqua, ma questo ulteriore sacrificio permetterà al Governo di impostare la “fase due”, cioè un primo allentamento delle restrizioni, non appena arriverà l’ok dal Comitato scientifico“. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa. “Mi spiace che queste nuove misure capitano in un momento particolare, una solenne festività, la pasqua. Saremo purtroppo – lo dico personalmente dispiaciuto – saremo costretti ad affrontare anche questi giorni di festività con questo regime”. “Questo – ha però precisato – ci consentirà di iniziare a valutare sempre con le raccomandazioni del comitato scientifico una prospettiva. Nel momento in cui i dati dovessero consolidarsi e gli esperti ce lo consentiranno inizieremo a programmare una fase due, quella di convivenza col virus. Misure che pian piano portano ad un allentamento, per poi entrare nella fase tre, l’uscita dall’emergenza. La ripresa della normalità, la ricostruzione“.

Coronavirus, Conte: “non posso dire che la fase due inizierà il 14 aprile”

Non sono nella condizione di dirvi il 14 aprile”, ma “nel momento in cui potremo, entreremo nella fase due di allentamento e poi nella fase tre, uscita dall’emergenza e ripristino della normalita’: la fase di ricostruzione e rilancio della vita sociale ed economica“. Cosi’ Giuseppe Conte, durante una conferenza stampa.

Coronavirus, Conte: “se smettessimo di rispettare le regole il costo sarebbe altissimo”

Se noi smettessimo di rispettare le regole e cominciassimo ad allentare queste misure gli sforzi fin qui fatti sarebbero vani e pagheremmo un prezzo altissimo perché oltre al costo psicologico ed economico sociale che fin qui stiamo affrontando saremo costretti a ripartire di nuovo, è un doppio costo che non ci possiamo permettere“. Lo afferma in conferenza stampa il presidente del Consiglio Giuseppe Conte annunciando il nuovo Dpcm.

Coronavirus, Conte: “mai autorizzato il passeggio con i bambini”

Sospendiamo le sedute degli allenamenti sportivi. Non sono piu’ consentiti“. Cosi’ il premier Giuseppe Conte. L’ora d’aria per i bambini? “Non abbiamo mai autorizzato il passeggio con i bambini. Abbiamo solo detto che si puo’ consentire l’accompagno di un bambino per un genitore quando va a fare la spesa“, osserva il presidente del Consiglio.