fbpx

Coronavirus, il Ministro Boccia: “temiamo la seconda ondata a ottobre-novembre”

Coronavirus, il Ministro Boccia: “Maggio deve essere ancora un mese di sacrifici sociali. Temiamo la seconda ondata a ottobre-novembre”

“Maggio dev’essere ancora un mese di sacrifici sociali e in spiaggia stiamo lontani e con gli aperitivi pure”, è quanto ha affermato il Ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia in un’intervista a “Repubblica”. “Riguardo ai trasporti – prosegue Boccia- ne parleremo con i sindaci. È evidente che come prima non sarà. Sono favorevole alle mascherine per chiunque esca di casa, le Regioni, grazie anche al lavoro di Arcuri, hanno in dotazione milioni di mascherine di riserva. Ne avranno altre. È evidente – aggiunge il Ministro- che vanno distribuite a tutti i cittadini e fissato un prezzo massimo di acquisto. Gli speculatori la pagheranno“. “Temiamo la seconda ondata a ottobre-novembre e dobbiamo essere prontissimi. Dobbiamo entrare in quest’ottica e augurarci di avere il vaccino e una terapia che riduca al minimo l’ospedalizzazione dei positivi. Penso sia possibile”, conclude Boccia.