fbpx

Coronavirus: appello 101 economisti a Governo, ‘non firmate accordo Eurogruppo’

Roma, 14 apr. (Adnkronos) – “L’accordo raggiunto dall’Eurogruppo il 9 aprile scorso sugli interventi europei per fronteggiare la pandemia e le sue gravissime conseguenze economiche è insufficiente, prefigura strumenti inadatti e segna una continuità preoccupante con le scelte politiche che hanno fatto dell’eurozona l’area avanzata a più bassa crescita nel mondo. Non prende atto dell’eccezionalità della situazione, senza precedenti almeno nell’ultimo secolo, né del fatto che questo sconvolge i paradigmi che hanno guidato la politica economica negli ultimi decenni”. E’ questo l’appello lanciato da 101 economisti al Governo pubblicato oggi sul sito di MicroMega. Tra i firmatari dell’appello anche l’economista francese Jean-Paul Fitoussi (Sciences Po Parigi), James K. Galbraith (Univ. of Texas, Austin) e Nicola Acocella (univ. Roma La Sapienza).
Tra i ministri delle Finanze, si legge nell’appello, “sembra prevalere l’idea che quanto sta accadendo possa essere circoscritto nel tempo a una parentesi relativamente breve, chiusa la quale si possa tornare senza problemi a comportarsi come prima. Non è così, come ha ben spiegato una personalità di riconosciuta competenza come l’ex presidente della Bce Mario Draghi”.
L’eccezionalità delle circostanze, rileva, “dovrebbe far prendere in esame provvedimenti eccezionali, che dovrebbero avere almeno due caratteristiche essenziali: essere attivabili in tempi il più possibile brevi; ridurre al minimo possibile l’aumento dell’indebitamento degli Stati, già destinato inevitabilmente a crescere per finanziare gli interventi indifferibili per ridurre i danni della crisi”.