fbpx

Coronavirus a Reggio Calabria, i parenti degli anziani della casa di riposo ‘Santa Rita’ alle istituzioni: “trovate una soluzione, la struttura è una seconda famiglia”

“Chiediamo alle istituzioni con il cuore in mano, di venirci incontro, di trovare una soluzione sempre nel rispetto delle leggi”, scrivono in una lettera i parenti degli anziani della Casa di Riposo Santa Rita

Ci sono aggiornamenti sul caso relativo alla casa di riposo ‘Santa Rita’, che nella giornata di Pasqua ha ricevuto un mandato di sequestro da parte dei N.A.S. di Reggio Calabria. Una situazione creata da alcune problematiche amministrative che rischia di mettere in serio pericolo la salute degli ospiti della struttura. Si fanno sentire anche i parenti degli anziani, che con una lettera si rivolgono alle istituzioni, affinché il tutto si possa risolvere:

“Riteniamo opportuno fare una premessa: il nostro non vuole essere un attacco alle istituzioni, verso le quali nutriamo grande rispetto e fiducia; Il nostro vuole essere solo un “mero” messaggio , un’ appello disperato per cercare di ottenere l’attenzione su una tristissima situazione , che si protrae ormai da tempo. 
Chi scrive , sono i parenti dei nonnini della Casa di Riposo Santa Rita , sita in Gallico. La struttura gestita da Luigi Moragas e la moglie Mery , rappresenta per noi un fiore all’occhiello della nostra città . Gli ospiti che si trovano qui ricoverati, sono accuditi, coccolati e ricevono tutto quello di cui hanno bisogno. Viene ridata a loro, una dignità che purtroppo la malattia aveva tolto da tempo. Solo chi si trova ad affrontare e vivere certe patologie , può capire l’importanza dell’esistenza di strutture come quella di Santa Rita.
Per noi è diventata seconda famiglia, dopo lo sgomento iniziale di dover accettare la malattia che ci ha costretti a dover collocare i propri cari in una casa che non è la loro , ma che lo è diventata nel tempo. Qui si è ritrovato non solo un benessere fisico, ma un equilibrio mentale, grazie a tutti coloro che collaborano attivamente e con tanto amore, facendo scaturire una sinergia tra famiglie e titolari della struttura.
Purtroppo però il giorno di Pasqua e in un momento cosi difficile per tutti, la Casa di Cura Santa Rita è stata posta sotto sequestro , non per problemi igienico sanitari , ne ovviamente per violenze sui nonnini, ma per questioni burocratiche , questa è la motivazione che seppur giusta è altrettanto triste.
Ora noi non vogliamo entrare nel merito dell’operato delle Istituzioni , ci mancherebbe , ma chiediamo a quest’ultime con il cuore in mano, di venirci incontro, di trovare una soluzione sempre nel rispetto delle leggi , di far si che la Casa di Cura Santa Rita , ritorni ad essere la nostra seconda famiglia”.

Il rappresentante dei familiari – Massimo Sgrò

Coronavirus a Reggio Calabria, almeno un sorriso nella tragedia: tamponi tutti negativi nella casa di cura “Santa Rita”