Categoria: CALABRIAEDITORIALIEMERGENZA CORONAVIRUSNEWSREGGIO CALABRIA

Coronavirus a Reggio Calabria: primo caso accertato a Cinquefrondi, è un paziente di Villa Elisa

Tags: notizie cinquefrondi

Coronavirus a Reggio Calabria: primo caso accertato a Cinquefrondi, è un paziente di Villa Elisa. Il sindaco Conia: “avviate tutte tutte le procedure necessarie”

Primo caso accertato di Coronavirus a Cinquefrondi, cittadina dell’Area Metropolitana di Reggio Calabria. Ad annunciarlo il sindaco Michele Conia con un post su facebook: “purtroppo, questa notte sono stato informato che un paziente della casa di cura Villa Elisa di Cinquefrondi è risultato positivo al Covid 19. Il paziente, al quale auguriamo, con tutto il cuore, una pronta guarigione, non è residente a Cinquefrondi. Abbiamo, fin da subito, avviato, con gli enti e le autorità competenti, tutte le procedure necessarie. Chiedo a tutti voi massima responsabilità sia nel rimanere a casa e rispettare le regole e sia nell’evitare di diffondere notizie che non saranno ufficiali, sarà mia premura fornirvi, in tempo reale, tutte le informazioni utili e ufficiali”.

Coronavirus, primo caso accertato a Cinquefrondi. Il sindaco Conia: “effettuare tamponi al personale ed ai pazienti della Casa di Cura  Villa Elisa”

L’Avv. Michele Conia, nella qualità di Sindaco e ufficiale sanitario del Comune di Cinquefrondi, avendo appreso l’esistenza di un caso positivo al virus Covid-19 di un paziente ricoverato, da giorni, presso la Casa di Cura “ Villa Elisa”, chiede a “tutte le autorità con estrema urgenza l’effettuazione dei tamponi, come da protocolli ministeriali e regionali, di tutto il personale sanitario operante presso la Casa di Cura Villa Elisa, pazienti, personale dipendente e di tutti coloro i quali hanno effettuato ingresso presso la su citata struttura negli ultimi 15 giorni, al fine della tutela della salute  e della sicurezza degli stessi. Considerato che nella struttura vi è personale e pazienti provenienti da tutto il territorio della  Piana di Gioia Tauro ed oltre, appare necessario prevenire ed evitare un contagio che avrebbe effetti devastanti e non più controllabili”.