Aeroporto di Reggio Calabria a rischio chiusura, Irto: “il governo regionale faccia chiarezza. Siamo pronti alla battaglia”

Aeroporto reggio calabria

Aeroporto di Reggio Calabria a rischio chiusura, Irto: “la giunta regionale, finora completamente assente sull’argomento, dica cosa intende fare per salvaguardare il Tito Minniti”

“Dinanzi al rischio di chiusura dell’aeroporto dello Stretto, che non è mai stato concreto come oggi, non si può rimanere inermi. E chi ha il compito e la responsabilità di governare la Regione ha anche il dovere di fare chiarezza immediatamente. La giunta regionale, finora completamente assente sull’argomento, dica cosa intende fare per salvaguardare il “Tito Minniti”, il diritto alla mobilità dei reggini e i livelli occupazionali della struttura. E ci aspettiamo ben altro tipo di interventi anche da parte di Sacal“, è quanto scrive sul proprio profilo facebook, il vicepresidente del consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto.

irto

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

La società unica di gestione degli aeroporti calabresi – prosegue– non può limitarsi a dire che la ripresa post crisi del Covid-19 sarà difficile. Questo lo sappiamo benissimo tutti. Semmai, da Sacal ci aspettiamo soluzioni e soprattutto una puntuale indicazione degli interventi industriali previsti a tutela dell’infrastruttura più importante del nostro territorio. La nuova Alitalia, che avrà una flotta ridotta, continuerà a porre almeno un aereo con base a Reggio? Perché non è più possibile prenotare voli da e per Reggio per il futuro? Noi abbiamo salvato l’aeroporto dello Stretto, mantenendolo aperto quando era praticamente nel baratro e creando i presupposti per una gestione sana. Anche oggi, dall’opposizione, siamo pronti a dare una mano e fare la nostra parte, prima di tutto da reggini, nell’interesse della città. È per questo che negli ultimi giorni ho informato personalmente il Governo nazionale della questione. Ma ciò non esime la Regione e Sacal dall’assumere una posizione chiara, dicendo subito e concretamente cosa intendono fare. Sul “Tito Minniti” siamo pronti a una durissima battaglia”, conclude.