fbpx

Coronavirus: Sicilia, nuove regole per raccolta rifiuti e iter impianti

Palermo, 27 mar. (Adnkronos) – Arrivano in Sicilia regole chiare per la raccolta dei rifiuti nell’ambito dell’emergenza dettata dal contrasto al coronavirus. Un provvedimento “che vuole a mettere al riparo la gestione da possibili crisi, tutelando, nel contempo, lavoratori e cittadini”. Si punta a “velocizzare le procedure amministrative per realizzare gli impianti pubblici e scongiurare il rischio di aumento della Tari, tramite il contenimento, se non la riduzione, di alcuni prezzi di conferimento”.
Lo prevede un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, su proposta del dirigente generale del dipartimento Acqua e rifiuti Salvo Cocina, concertata con l’assessore all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon.
Per sei mesi sarà consentito ‘il ricorso temporaneo a una speciale forma di gestione dei rifiuti urbani prodotti sul territorio della Regione per garantire le regolari attività del ciclo integrato dei rifiuti”. Si tratta di un ventaglio di misure per la messa in sicurezza dell’intero ciclo dei rifiuti e che prevede deroghe per l’ampliamento degli impianti. Un duro lavoro andato avanti per giorni che ha coinvolto Anci, Comuni, Arpa, sanità, consorzi e associazioni.