Categoria: News Adn

Coronavirus: è caccia all’untore a Vicari, una ragazza accusata di avere contagiato casa riposo

Palermo, 24 mar. (Adnkronos) – (di Elvira Terranova) – E’ caccia all’untore a Vicari, un piccolo paese del palermitano, dove da giorni una ragazza di 20 anni, che lavora presso la casa di riposo di Villafrati dove sono risultati positivi quasi 70 anziani ospiti della struttura, viene presa di mira dai concittadini. Con post pesanti in cui la giovane, lei stessa è risultata positiva al Covid-19, viene attaccata e insultata perché ritenuta la responsabile del contagio del nonno, ospite della struttura, e quindi a catena di tutti gli altri vecchietti. Ma adesso il sindaco di Vicari, Antonio Miceli, si rivolge ai suoi concittadini e chiede di lasciare in pace la giovane che “continua a essere minacciata pesantemente”.
“Ora basta – dice all’Adnkronos – chiedo ai cittadini di finirla di prendersela con una ragazza che non c’entra niente”: Ma come nasce l’equivoco? “Qualche giorno fa – spiega il primo cittadino – qualche sito locale ha scritto che alcuni anziani ospiti della casa di riposo di Villafrati sono risultati positivi al tampone del coronavirus. E hanno scritto che il contagio era stato portato da una donna arrivata dal Nord e che aveva il nonno nella casa di riposo. Il caso ha voluto che giorni prima una ragazza di 20 anni, che fa tirocinio nella casa di riposo, a seguito del ricovero del nonno positivo, ha fatto il test ed è risultata contagiata, seppure asintomatica. A quel punto è stata messa in isolamento a casa. Ma questa ragazza non è mai stata a Milano, perché lavora qui. Invece da quel giorno la accusano di essere la colpevole”. “La notte scorsa – dice sempre all’Adn – è stato pubblicato in altro video, dal contenuto discutibile, in cui l’accusano di avere contagiato tutti gli anziani. Contiene anche delle minacce e questo non è possibile. Chiedo a tutti di mettere fine a questo sciacallaggio”.