Coronavirus, D’Uva (M5S): “A Messina più di 1 milione e 700 mila euro per l’emergenza alimentare”

Il deputato pentastellato di Messina: “I soldi fanno parte dei 400 milioni di euro che il Governo ha stanziato attraverso l’ultima ordinanza della Protezione Civile. Non si tratta di anticipi bensì di un fondo totalmente nuovo”

Entro martedì 31 marzo il Comune di Messina riceverà più di 1 milione e 700 mila euro per finanziare buoni spesa e fronteggiare l’emergenza alimentare”.

Così il Deputato Questore della Camera Francesco D’Uva che, oggi pomeriggio, ha parlato in diretta Facebook insieme a Laura Castelli, Viceministro al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

“I soldi fanno parte dei 400 milioni di euro che il Governo ha stanziato attraverso l’ultima ordinanza della Protezione Civile per fronteggiare l’emergenza alimentare. Non si tratta di anticipi bensì di un fondo totalmente nuovo. Come spiegato in diretta dalla Viceministra Castelli, i soldi verranno distribuiti ai Comuni attraverso due criteri: 75% in base alla grandezza dei Comuni; 25% in base al reddito pro capite. Secondo queste stime, al Comune di Messina spetteranno più di 1 milione e 700 mila euro.

A questi andranno ad aggiungersi, su base nazionale, altri 4,3 miliardi di euro. Si tratta di un’anticipazione del Fondo nazionale dei Comuni che aiuterà i Sindaci nelle spese emergenziali. Siamo assolutamente consapevoli delle difficoltà che cittadini e enti territoriali stanno incontrando nell’affrontare questa battaglia, ma il Governo sta agendo il più celermente possibile per trovare risorse e soluzioni. Questa guerra si combatte insieme, con collaborazione e sinergia. Lo abbiamo già detto, seppur aspettiamo ancora risposta, e continueremo a dirlo: occorrono livelli massimi di intesa tra le Istituzioni. A livello locale si riprenda il dialogo con le Autorità centrali dello Stato. L’ordinanza più importante rimarrà sempre quella che risolve i problemi dei cittadini con la collaborazione”.