Coronavirus, Conte alla Camera: “un’emergenza senza precedenti, è l’ora della responsabilità. La storia ci giudicherà”

conte

Coronavirus: il Parlamento torna protagonista dopo due settimane di pausa per colpa dell’emergenza. Conte: “stiamo affrontando un’emergenza senza precedenti”

Il Parlamento torna protagonista dopo due settimane di pausa per colpa dell’emergenza Coronavirus con il Premier Conte che riferisce nella Camera. “Il Governo ha agito con la massima determinazione e con assoluta speditezza fin dall’inizio dell’emergenza Coronavirus”. Esordisce così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte nel corso dell’informativa che sta tenendo in Aula. Il premier ha rimarcato che l’Esecutivo ha adottato “misure di precauzione già dal 22 gennaio, ben prima che l’Oms decretasse il Coronavirus emergenza di salute pubblica”.

Coronavirus, Conte: “stiamo  combattendo un nemico invisibile, è una sfida economica, sanitaria e sociale”

“Stiamo combattendo un nemico invisibile, insidioso, che entra nelle nostre case, che divide le nostre famiglie. Ci fa sospettare di mani amiche, e alla fine ci ha condotto ad una limitazione significativa dei nostri spostamenti”, afferma il Premier Conte.E’ una sfida ad un tempo economica, sanitaria, sociale che ci coinvolge tutti, nessuno escluso”, sottolinea.

Coronavirus, Conte: “ci giudicherà la storia, è l’ora di agire”

Elisabetta Villa / Gettyimages

“Il governo è pienamente consapevole che dalle sue scelte discendono conseguenze di immane portata per la vita dei cittadini. Scelte che condizioneranno anche il futuro della nostra comunità. Siamo all’altezza del compito che il destino ci ha riservato? La storia ci giudicherà. Verrà il tempo dei bilanci, delle valutazioni, tutti avranno la possiblità di giudicare ad animo freddo e calmo il nostro lavoro e trarne la consaguenze. Ci sarà un tempo per tutto, oggi è il tempo dell’azione e della responsabilità dalla quale nessuno può fuggire“. E’ quanto ha affermato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Stiamo combattendo un nemico invisibile e insidioso che entra nelle case, divide le famiglie, ci fa sospettare di mani amiche, ci ha condotto ad una limitazione significativa degli spostamenti pur di contenere il contagio ed evitare il rischio di diffusione incontrollata. Sfida il Paese in tutte le sue componenti: una sfida sanitaria, economica, sociale, ci coinvolge tutti, nessuno escluso. Il settore pubblico e il privato, le istituzioni e semplici cittadini”, ha aggiunto Conte.

Coronavirus, Conte annuncia: “nelle prossime ore 500 infermieri nelle zone rosse”

“Trasferiremo nelle prossime ore circa 500 infermieri nelle zone più colpite, con particolare riguardo ai Comuni di Brescia, Bergamo e Cremona, ma ce ne sono molti altri. Le terapie intensive in Italia sono passate da 5343 a 8370 in pochi giorni, ovvero un aumento del 63,8%”. Annuncia il premier, Giuseppe Conte, nell’informativa alla Camera sull’emergenza coronavirus.

Coronavirus, Conte: “la limitazione del contagio è stato da subito il piano essenziale da attuare”

“Ricordo che l’organizzazione della sanità è compito esclusivo delle Regioni, al governo spetta la tutela della salute pubblica: abbiamo posto subito alle strutture sanitario il rischio di un sovraccarico ospedaliero. La limitazione del contagio è stato quindi da subito il piano essenziale da attuare”. E’ quanto ha detto il premier Giuseppe Conte nella sua informativa alla Camera.

Coronavirus, Conte: “prova durissima per il nostro Paese”

conte“La diffusione dell’epidemia ha innescato una crisi senza precedenti che sta esponendo il nostro Paese a una prova durissima”. E’ quanto ha affermato il Premier Conte. “Sono giorni terribili per la comunità nazionale – ha rimarcato -. Ogni giorno decessi, è un dolore che si rinnova costantemente per la nostra comunità”.

Coronavirus, Conte: “in Italia ed in Unione Europea crisi senza precedenti”

“La diffusione dell’emergenza Coronavirus ha innescato in Italia e in Ue una crisi senza precedenti che ci sta costringendo ad una prova durissima e che ci ha condotto a confrontarci con nuove abitudini di vita“. E’ quanto ha sottolineato il premier Giuseppe Conte, nel corso dell’informativa alla Camera sull’emergenza Covid-19.

Coronavirus, Conte ricorda le vittime: lungo applauso alla Camera

Il Premier Giuseppe Conte, ha ricordato in aula alla Camera le vittime del coronavirus, a cui è seguito un lungo applauso di tutto l’emiciclo.

Coronavirus, Conte: “grazie a medici e infermieri per sforzi straordinari”

Il premier, Giuseppe Conte, ha espresso “un sentito ringraziamento ai tanti medici ed infermieri che in questi giorni difficili stanno facendo sforzi straordinari, rischiando la loro vita per salvare quella degli altri”. Conte ha aggiunto: “A nome del governo e di tutti i membri del Parlamento dico che non ci dimenticheremo di voi, di queste giornate cosi’ stressanti”.

Coronavirus, Conte: “abbiamo sempre assicurato il coinvolgimento delle Regioni”

“Abbiamo sempre assicurato il coinvolgimento delle Regioni, sia nella Conferenza Stato-Regioni sia singolarmente”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte nel corso dell’informativa alla Camera.

Coronavirus, Conte cita Manzoni: “del senno poi sono piene le fosse. Ci sarà tempo per tutto ma questo è momento responsabilità”

Conte“In questi giorni molti hanno riletto ed evocato, anche pubblicamente, le pagine sulla peste scritte da Manzoni nei Promessi sposi: proprio in quest’opera viene ricordato un antico proverbio, ancora oggi fortemente in auge, per cui “del senno del poi son piene le fosse”. Ci sara’ un tempo per tutto. Ma, oggi, è il tempo dell’azione, il tempo della responsabilità”. E’ quanto afferma il premier Giuseppe Conte nel corso dell’informativa alla Camera.

Coronavirus, Conte annuncia: “nelle prossime ore 500 infermieri in zone rosse”

“Trasferiremo nelle prossime ore circa 500 infermieri nelle zone più colpite, con particolare riguardo ai Comuni di Brescia, Bergamo e Cremona, ma ce ne sono molti altri”. Annuncia il premier, Giuseppe Conte, nell’informativa alla Camera sull’emergenza coronavirus.

Coronavirus, Conte: “è doveroso coinvolgere il Parlamento”

“Sono consapevole della necessità del coinvolgimento del Parlamento, che ritengo doveroso”, rimarca il Premier Conte ricordando che il governo informerà le Camere “ogni 15 giorni e che tutti i decreti sono stati trasmessi al Parlamento”.