Categoria: CALABRIANEWS

Coronavirus in Calabria, Marziale: “Minori bloccati in altre regioni? Non posso dare seguito alle istanze che mi sono pervenute da nonni e genitori. La competenza è della Prefettura”

Coronavirus in Calabria, Marziale: “a fronte di numerose richieste provenienti da congiunti di minorenni residenti fuori territorio regionale mi trovo costretto a dover informare che non posso dare seguito alle loro istanze in quanto di competenza delle prefetture”

“A fronte di numerose richieste provenienti da nonni, genitori ed altri congiunti di minorenni residenti fuori territorio regionale o bloccati in altre regioni per via della pandemia, mi trovo costretto a dover informare che non posso dare seguito alle loro istanze in quanto di competenza delle prefetture, a loro volta limitate da rigide disposizioni del Governo”. Lo comunica il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale. “Comprendo il disagio scaturente dal dover vivere questo momento drammatico lontano dai propri bambini, ma per disposizioni governative, e comunque per buonsenso, è meglio rimanere laddove si è, perché i bambini oltre che dell’affetto potrebbero essere destinatari anche del virus. In questi anni di mio mandato istituzionale – sottolinea Marziale – ho risposto a richieste di qualsiasi genere cercando di soddisfare i bisogni di ciascun minore, ma in questo caso non posso dar risposte se non omologate, e invitanti a desistere dall’intento , oppure rivolgendosi alle istituzioni di competenza, ossia le prefetture. Non è facile umanamente per me dover assumere questa determinazione – conclude il Garante – ma le richieste cominciano ad essere troppe, e tutte, fino al momento, motivate soltanto da questioni sentimentali e non da altre urgenze”.