fbpx

Coronavirus in Calabria, AZ smentisce una bufala che circola su Whatsapp : “nessuno dei nostri dipendenti è positivo”

coronavirus fake news

Coronavirus in Calabria, AZ smentisce una bufala che circola sui social secondo secondo cui “in uno dei nostri punti vendita Coop di Catanzaro si sarebbe verificato un caso di positività al Covid-19”

“Abbiamo appreso che sui social e/o gruppi whatsapp stanno girando messaggi secondo i quali presso uno dei nostri punti vendita Coop di Catanzaro si sarebbe verificato un caso di positività al Covid-19 in relazione a un nostro dipendente o a un dipendente di una delle ditte in appalto”, è quanto scrive in una nota il gruppo AZ S.p.A. “A tal proposito AZ S.p.A. – sottolinea- smentisce in maniera categorica che ad oggi sia risultato positivo al virus uno dei propri dipendenti o uno dei dipendenti che lavorano presso le nostre strutture per conto di aziende terze. Per correttezza di informazione e al fine di evitare la diffusione di messaggi non rispondenti al vero si precisa che, a seguito dei recenti decreti governativi e delle ordinanze regionali in materia di prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, AZ S.p.A. si è impegnata a dare immediata attuazione alle misure di sicurezza previste dai suddetti provvedimenti e a individuare ulteriori iniziative tese a contenere la diffusione dell’epidemia, nell’ottica di tutelare la salute dei propri dipendenti e dei propri clienti. Tant’è vero – aggiunge la nota– che, in occasione delle numerose ispezioni effettuate presso i punti vendita AZ S.p.A., gli organi preposti a monitorare l’attuazione delle prescritte misure di sicurezza (ASP, Vigili Urbani, Carabinieri e Guardia di Finanza) si sono complimentati con la società per il livello di sicurezza garantito in tutta la rete commerciale. Alla luce di quanto sopra, qualora tali messaggi non veritieri dovessero continuare a diffondersi sui social, AZ S.p.A. si riserva di agire nelle competenti sedi giudiziarie al fine di tutelare l’immagine propria e dei propri dipendenti”, conclude la nota.