fbpx

Coronavirus: Agea (M5S), ‘no ritorni a passato, sia occasione per futuro Ue’

Roma, 31 mar. (Adnkronos) – “La svolta autoritaria in Ungheria così come gli egoismi nazionali riemersi di Germania e in altri Paesi nord-europei, sono due facce della stessa medaglia: il rischio di un ritorno al passato invece che di un sarto verso il futuro, il rischio che l’Unione europea, di fronte all’emergenza Coronavirus, regredisca e si disgreghi invece che maturare trasformandosi in una vera unione”. Lo dichiara il sottosegretario per le Politiche Ue, la cinquestelle Laura Agea.
“Dobbiamo sfruttare questa emergenza per reiterare lo spirito d’unione e di solidarietà, invocato dai padri fondatori dell’Ue. Proprio perché l’Ue è nata come reazione alla devastazione della Seconda Guerra Mondiale – argomenta la Agea – i fatti recenti dovrebbero rafforzare lo stesso spirito che alimentò la sua creazione. Mentre alcuni Paesi europei, al contrario, si chiudono nei loro piccoli egoismi abiurando lo spirito di solidarietà e collaborazione che i padri costituenti avevano dato a questa istituzione. Oggi più che mai – prosegue – quello che sta insegnando questa emergenza è che, come all’indomani della Seconda Guerra Mondiale le istituzioni europee, allora in culla, permisero all’Europa di lasciarsi alle spalle la paura e la devastazione, allo stesso modo noi dovremmo rinnovare e rinsaldare quello stesso spirito che permise la creazione dell’Ue”.
“Se ci sono degli egoismi rappresentati da alcuni Stati questo non significa che l’Italia e gli altri Stati, i quali invece vogliono riaffermare i veri valori europei, non debbano andare avanti su quella strada. è un occasione unica – conclude il sottosegretario Agea – perché gli equilibri europei cambieranno. Forse, per una volta, sparigliando le carte, ci potrebbe toccare la mano giusta e noi potremmo diventare il paese leader dell’Ue”.