fbpx

Virus Cina: infettivologo Policlinico Palermo, ‘improbabile epidemia in Italia ma prudenza’

Palermo, 12 feb. (Adnkronos) – “E’ assolutamente improbabile un’epidemia da Coronavirus nel nostro Paese. Ritengo giusta però la misura della quarantena per tutti coloro che arrivano da territori dove sono stati accertati focolai di infezione, anche per i bambini. La sanità pubblica italiana è fra le migliori al mondo ma servono maggiori dotazioni organiche nei reparti di malattie infettive, più igienisti e assistenti sanitari”. A parlare, durante un incontro sul Coronavirus alla Caserma Lungaro di Palermo, è il direttore dell’Uoc Malattie infettive e tropicali del Policlinico Paolo Giaccone di Palermo Antonio Cascio.
“Ci sono aspetti della malattia che ancora non conosciamo – afferma – sulla base dei dati disponibili non è semplice prevedere la fine dell’emergenza, perciò prudenza. Nell’ipotesi remotissima di un’epidemia, probabilmente anche la Sicilia dovrà considerare la possibilità di utilizzare caserme abbandonate e ospedali militari”. Nel frattempo, in caso di un contatto con un caso sospetto o accertato, Cascio invita a “informare il proprio medico curante che valuterà l’opportunità della segnalazione al 118. Non bisogna decidere in autonomia – sottolinea – Andare in ospedale se affetti dal Coronavirus potrebbe comportare il contagio delle persone presenti in quel momento al pronto soccorso”.