Categoria: CALABRIANEWS

Reggio Calabria: Libera e Agape hanno organizzato una serie di incontri dal titolo “Uscire dalla ‘ndrangheta è possibile”

Reggio Calabria, Libera e Agape hanno organizzato una serie di incontri dal titolo “Uscire dalla ‘ndrangheta è possibile”: “vi ringrazio perché vi siete presi cura di mia figlia”

“Vi ringrazio perché vi siete presi cura di mia figlia”. Questa frase pronunciata durante l’incontro promosso da un detenuto ristretto della casa circondariale in regime di 41 bis sintetizza meglio di ogni altera parola il senso del messaggio “Uscire dalla ‘ndrangheta è possibile” che Centro Comunitario Agape e associazione Libera hanno voluto portare attraverso una serie di iniziative realizzate in luoghi simbolo del territorio reggino, oltre il carcere di Palmi, il quartiere di Archi, il carcere minorile, quattro scuole della città di Reggio aderenti alla rete delle Alleanze Educative, il Piria, il Volta, il Fermi Boccioni, il Panella. Sono stati circa 600 gli studenti coinvolti, una trentina i minori delle comunità incontrate, un centinaio gli educatori e le famiglie dell’Agesci di Archi carmine. L’evento realizzato nell’istituto penitenziario era il quarto dopo quelli tenuti lo scorso anno nelle carceri di Reggio, Locri, Vibo e si è caratterizzato per la presenza di due significativi testimoni, Giosuè D’Agostino seguito negli anni 80 da Don Italo Calabrò e da Agape nel percorso di riscatto che lo ha portato dal carcere minorile alla rottura con il clan di ndrangheta a cui apparteneva a vivere una vita diversa nel segno della legalità Rivolgendosi ai detenuti ha chiesto di abbandonare gli alibi sulle responsabilità dello stato o di altri e di decidere come ha fatto lui di scegliere una vita che ti dà dignità, che ti evita di passare la vita tra una carcerazione all’altra o addirittura di perderla. Assieme ad esso Vincenzo Chindamo fratello di Maria sequestrata ed uccisa a Limbadi che ha detto che questa è stata una occasione per dare voce, davanti ai detenuti dell’alta sicurezza, alle tante vittime della ndrangheta ma anche a chi è riuscito a uscirne facendo scelte coraggiose e a invertire un destino mafioso che sembrava inevitabile. I detenuti intervenuti, che si sono preparati all’incontro prendendo visione del film Liberi di scegliere e con l’incontro con Mimmo Nasone di Libera, hanno ascoltato con attenzione e rispetto loro testimonianze e attraverso i loro interventi hanno dimostrato di essere disponibili ad avviare un dialogo con le istituzioni e con gli altri soggetti della società civile soprattutto per i riflessi che questo può avere sulla loro famiglia e sui figli, hanno dato atto al Tribunale per i minorenni della volontà di tutelare i loro figli, ma hanno anche chiesto un servizio giustizia e dei processi più veloci e soprattutto opportunità concrete per chi ha sincera volontà di cambiare vita e di inserirsi nella società.Per il giudice minorile Sebastiano Finocchiaro, ribadendo l’importanza del programma Liberi di scegliere”,l’incontro è stata un’occasione di confronto e dialogo con soggetti direttamente coinvolti nelle peculiari vicende attenzionate dal locale Tm nell’ambito dei procedimenti civili afferenti la tutela di minori provenienti da contesti familiari di ndrangheta. Oltre ad un momento di certo arricchimento umano e culturale a suo parere tali occasioni possono offrire spunti per la personale revisione critica del pregresso operato da parte del condannato anche sotto il profilo del percorso genitoriale nell’ottica del perseguimento della risocializzazione e del proficuo reinserimento nella comunità civile. Anche per Vincenzo Chindamo: I detenuti hanno necessità di confronti qualificati, affinché dalle loro esperienze possa nascere la forza di conversione della nostra terra. I detenuti e le loro famiglie sono le prime vittime dei loro errori. È necessario accendere in loro la consapevolezza di chi e di cosa li ha resi prime vittime di un sistema ed illuminare la strada di scelte coraggiose che li riscattino. Uscire dalla criminalità è prestigioso.

Fa strada al cammino difficile ma possibile che i nostri territori stanno affrontando donando orgoglio e speranza alla nascita di una nuova Calabria. Una Calabria Libera. Contributi importanti sono venuti dal provveditore regionale della amministrazione penitenziaria Liberato Guerriero che ritiene fondamentale la funzione educativa che il carcere deve svolgere attraverso anche queste iniziative, Agostino Siviglia Garante regionale dei detenuti si impegnerà anche per favorire esperienze di giustizia riparativa e di incontro con le vittime dei reati, il procuratore aggiunto della Procura di palmi Giuseppe Casciaro ha chiesto ai detenuti di riflettere sul significato del volere bene ai figli che è diverso dal volere il loro bene ma ha anche espresso rammarico per tutti quei casi in cui la giustizia è lenta o peggio ancora quando lascia un innocente in carcere anche per un solo giorno.Il Direttore Antonio Galati nelle conclusioni ha evidenziato in particolare la sofferenza che vede quando i bambini entrano in carcere per i colloqui e che interpella le coscienze di tutti, in primis dei loro genitori detenuti che hanno la maggiore responsabilità. Apprezzamenti anche della Dirigente nazionale della Giustizia minorile Isabella Mastropasqua che ha sottolienato la grande valenza educativa di fare ascoltare ai ragazzi delle comunità l’esperienza di chi ce l’ha fatta ad uscire dalla ndrangheta. Un appello finale viene lanciato a i mass media perché se ne facciano voce da Mario Nasone del centro Agape e da Don Ennio Stamile referente regionale di Libera, affinchè alla luce dei segnali positivi che sono arrivati, in attesa di una legge nazionale che la favorisca, ritiene che i tempi siano maturi per entrare come Magistratura e associazionismo in modo ancora più massiccio e costante nelle sezioni di alta sicurezza delle carceri per dialogare con i detenuti, per aiutarli a fare una revisione critica della loro vita dissociandosi dalle loro appartenenze criminali, per pensare assieme a loro come favorire l’attuazione del progetto Liberi di scegliere lasciando ai figli la possibilità di fare esperienze in contesti sociali diversi sia fuori della calabria ma anche rimanendo nel territorio. Ricordando l’insegnamento di Don Italo Calabrò che chiedeva ai mafiosi “se non potete uscirne voi, fate almeno in modo che i vostri figli non vi entrano”