fbpx

Reggina-Ternana, Gallo: “castigati dalle assenze, ma la squadra è pronta. Se perdiamo…”

fabio gallo ternana

Reggina-Ternana, la conferenza di mister Gallo: l’allenatore rossoverde ha analizzato la sfida di lunedì sera contro gli amaranto

Tensione altissima per la sfida Reggina-Ternana, posticipo in programma lunedì allo stadio Oreste Granillo. Il risultato è fondamentale ai fini della classifica e potrebbe dare indicazioni importanti su quello che sarà il cammino finale delle due compagini. L’allenatore Fabio Gallo ha risposto alle domande dei giornalisti nella consueta conferenza stampa prima della gara: “conosciamo il valore della partita. In allenamento abbiamo provato anche il 3-5-2. Se penso a Monopoli-Bari? No, la mia testa è concentrata solo alla Reggina. I calabresi anno una rosa tale da sopperire alle eventuali mancanze. Finora hanno avuto un cammino fantastico e sono ben allenati da Toscano, che ho incontrato lunedì a Coverciano. Si entra al Granillo lunedì e si gioca al calcio, esprimendo tutte quelle che sono le nostre qualità. Se puntiamo sull’aspetto fisico e basta partiamo sconfitti, dobbiamo giocare come sappiamo. L’ambiente sarà caldo e contro di noi, ma questo ci deve dare lo stimolo giusto per dare di più. La Reggina ha sempre giocato per attaccare e vincere, mi aspetto la solita squadra che cercherà di vincere e non attendista dato il vantaggio in classifica. Non so se giocherà Bellomo o Rivas, mi aspetto che attaccheranno con le mezze ali. Corazza e Denis sono bravi, ma lo sono anche i nostri attaccanti. I ragazzi sono pronti, gli ho parlato molto e sanno la mia idea, non ho visto strascichi della partita di domenica. Non ho alternative, siamo stati castigati oltre modo dal giudice sportivo, ma abbiamo subito la possibilità per riscattarci”. Infine la situazione infortunati e squalificati in casa Ternana: “Marcone si è lussato un dito della mano e non è disponibile, così come Diakitè e Damian, oltre ovviamente a Suagher e Torromino squalificato. Salzano? Ci sarà, il primo giorno mi ha detto che aveva poca visuale ma poi si è abituato e non ha avuto più problemi”.