fbpx

Giorno del Ricordo: al Teatro di Messina cerimonia in memoria delle vittime delle foibe

Durante la cerimonia in programma al Teatro di Messina sarà consegnata la Medaglia d’Onore alla memoria del Sig. Sebastiano Caminiti, vittima delle foibe

Il prossimo 10 febbraio alle ore 11,00, in occasione della ricorrenza del “Giorno del Ricordo”, la Prefettura, in collaborazione con l’Ente Teatro e l’Associazione Nazionale Congiunti dei Deportati Italiani Uccisi o Scomparsi in Jugoslavia, organizza una cerimonia commemorativa che si svolgerà presso il Teatro Vittorio Emanuele di Messina.

Con l’iniziativa si vorrà rendere omaggio alle vittime delle foibe e diffondere la memoria dei drammatici eventi ai più giovani, attraverso il coinvolgimento di numerosi studenti degli istituti scolastici di secondo grado della Città e dell’ambito regionale.

Nell’occasione, la memoria di quei tragici accadimenti sarà rinnovata attraverso racconti su episodi degli esuli e delle foibe da parte di una compagnia teatrale, con l’esibizione del Coro del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e del Coro degli alunni del Liceo Musicale “Ainis” di Messina e con un breve intervento del Prof. Dario Caroniti, docente del locale Ateneo.

Durante la cerimonia, sarà inoltre consegnata la Medaglia d’Onore alla memoria del Sig. Sebastiano Caminiti, vittima delle foibe, residente in questo territorio.

La manifestazione al Teatro sarà preceduta da un momento commemorativo presso la Piazza Martiri delle Foibe, dove, su iniziativa del Comune di Messina e dell’Associazione Nazionale Congiunti dei Deportati Italiani Uccisi e Scomparsi in Jugoslavia, sarà deposta una corona d’alloro sulla stele rievocativa.

Il film “Il segreto della miniera” in occasione del Giorno del Ricordo

In occasione del Giorno del Ricordo, le associazioni Cineforum Don Orione e Arknoah, in collaborazione con la società di distribuzione Cineclub Internazionale e la Multisala Apollo, intendono affrontare il complesso tema delle vicende della fine della Seconda Guerra mondiale, le foibe e tutto ciò che ne è stato il contesto, sociale, storico e politico. Sarà proiettato il film “Il segreto della miniera”, diretto da Hanna Slak, che racconta una toccante storia vera di un minatore bosniaco (interpretato dal grande attore Leon Lucev) in Slovenia e di una miniera che le autorità volevano a tutti i costi chiusa e nascosta. L’appuntamento è lunedì 10 febbraio, alle 20.30, alla Multisala Apollo di Messina: biglietto d’ingresso sei euro, 4 per i soci del Cineforum Don Orione e di Arknoah e per gli studenti dell’Università di Messina.

Interverranno alla proiezione la regista Hanna Slak, in videoconferenza, per dialogare col pubblico al termine della proiezione; Fabio Rossi e Pier Paolo Zampieri, docenti dell’Università degli Studi di Messina.

Ad Alija, un minatore della Slovenia centrale, viene assegnato un compito: riaprire e ispezionare un vecchio tunnel per consentire all’impresa privata, proprietaria della miniera, di chiuderlo definitivamente. Ma abbattendo via via le barriere di roccia e mattoni presenti all’interno del tunnel scoprirà molto di più: un segreto che non doveva scoprire e che gli impongono di riseppellire.

Il segreto della miniera