fbpx

Mafia: figlio maresciallo Lombardo mostra foto morte padre ‘non fu suicidio’/Adnkronos (2)

(Adnkronos) – “Alle 22.30 il capitano De Caprio sente un colpo secco e guardando avanti vede dei militari e chiede se gli è scappato un colpo. Loro lo guardano e dicono ‘ma noi non abbiamo sentito niente'”, spiega oggi Lombardo. “Un brigadiere dice a De Caprio che c’è una persona in auto che si sente male. E si è allontanato. Avvisano il centralino e vengono avvisati gli ufficiali vari – dice – Le testimonianze di quella sera non finiscono qua. C’era un militare in servizio presso il battaglione Sicilia e stranamente dice: ‘Escluso di avere visto il maresciallo Lombardo né in entrata né in uscita’. Questo è il caso delle coincidenze…”. Un sottotenente, “capo di picchetto al Battaglione Sicilia, dice di non avere visto il maresciallo Lombardo, anche perché non lo conosceva. Inoltre non ha neppure sentito esplodere un colpo di arma da fuoco. L’unico che sente un colpo di arma da fuoco secco è De Caprio. Come fa il sottotenente a non sentire a 30 m di distanza il colpo mentre De Caprio che era a 70 metri di distanza lo sente?”.
“Nessuno ha visto entrare mio padre, un fantasma insomma- si sfoga Lombardo – C’è un vuoto dalle 20.30 alle 22.30″. Un altro mistero è quello della borsa scomparsa. “Si è sempre parlato della borsa di Borsellino e dell’agenda sparita o della borsa di Dalla Chiesa, ma mai della borsa scomparsa di mio padre”. “All’interno di quella borsa – dice il figlio del maresciallo – c’erano documenti su indagini e documenti sugli Stati Uniti”. Dove il boss Gaetano Badalamenti sarebbe stato pronto a raccontare la sua verità su molti misteri di Cosa nostra.
Ma il figlio del maresciallo non si limita a raccontare. Questa volta, mostra anche le foto del cadavere del padre, morto con un colpo di pistola alla testa. C’è sangue sulla testa ma anche sulle mani. Ed ecco un altro, dei tanti misteri, quella della lettera d’addio. “Mi uccido per non dare la soddisfazione a chi di competenza di farmi ammazzare e farmi passare per venduto e principalmente per non mettere in pericolo la vita di mia moglie e i miei figli che sono tutta la mia vita”¦”, scriveva. “Quella lettera viene levata e appoggiata sul sedile anteriore passeggero- dice Fabio Lombardo -Questa lettera non mostra nessuna macchia di sangue, mentre mio padre è pieno di sangue. Accanto alla lettera ci sono tracce di sangue ovunque, ma non sulla lettera. Come mai?”.