Categoria: CALABRIAEDITORIALINEWSREGGIO CALABRIA

La Campania si prepara “all’annessione della Calabria”: la Varia di Palmi finisce tra le eccellenze…partenopee

La Varia di Palmi finisce tra i patrimoni UNESCO della Regione Campania: la gaffe del governatore De Luca

Si celebra oggi la Giornata internazionale della guida turistica – scrive il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca sulla propria pagina Facebook –. In occasione ricordiamo l’importante traguardo raggiunto nel 2019: dopo la Campania è la regione italiana con il maggior numero di riconoscimenti inseriti nella Lista dei Patrimoni Culturali dell’Umanità dell’UNESCO. Infatti, grazie alla transumanza dell’Alta Irpinia, i prestigiosi titoli per la nostra Regione sono diventati 10: un importante risultato per il patrimonio culturale materiale e immateriale del nostro territorio”. Il post del governatore campano è arricchito da una foto-collage che racchiude diverse immagini nelle quali sono ritratti  i luoghi UNESCO della regione.

Ma a ben guardare qualcosa non quadra. Già, perché tra le varie foto ce n’è una ben visibile dove capeggia uno dei patrimoni UNESCO calabresi, la Varia di Palmi, comune che, per quanto ne sappiamo, dovrebbe essere ancora in Calabria e meno che non sia stata fatta qualche annessione di cui non siamo a conoscenza. La gaffe del governatore è stata la ghiotta occasione da parte di molti per darsi alla pazza gioia. E così il capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro ha colto la palla al balzo per fare ironia: “Palmi è un paesino in provincia di Reggio Calabria, conosciuto per la festa della Varia. Cosa ci faccia in un post del Presidente De Luca che parla dei record della Regione Campania non si sa. Forse sta preparando l’invasione della Calabria per annetterla alla Campania?“. Ma anche noi di StrettoWeb dobbiamo fare un piccolo appunto a Cesaro: Palmi non è di certo una grande metropoli, ma con i suoi oltre 18 mila abitanti definirlo paesino non è propriamente corretto.