Coronavirus, l’assessore alla Salute ai siciliani: “In caso di sospetti non andate in ospedale”

razza

Coronavirus, l’assessore regionale alla Salute: “In Sicilia situazione sotto controllo”

“Non andate nelle strutture ospedaliere. In caso di qualsiasi sospetto, possono chiamare al numero nazionale messo a disposizione dal Ministero della Salute 1500 o al numero unico per le emergenze 112, oppure rivolgersi al medico di famiglia. Saranno loro ad indicare il percorso migliore che dovrà essere seguito“. Lo ha detto l’assessore regionale  alla Salute in Siciia Ruggero Razza durante la conferenza stampa seguita alla riunione della unità di crisi sul Coronavirus convocata stamani a Catania.

Palermo e Catania i due hub per analisi

Per le analisi sono stati individuati gli hub del Policlinico di Palermo e di Catania coi loro laboratori. La situazione in Sicilia è seguita con attenzione. Abbiamo riunito tutti i responsabili delle Unità di Malattie infettive, abbiamo coinvolto la rete della continuità assistenziale e dei medici di famiglia e oggi abbiamo coinvolto al tavolo anche le Unita di Rianimazione ed Ecmo per essere pronti alla gestione di ogni eventuale criticità“- ha spiegato l’assessore. “La Sicilia – ha aggiunto – può contare su 70 posti letto di Malattie infettive in tutta la Regione e coprono l’intero territorio regionale. Probabilmente ci chiederemo nelle prossime ore se l’organizzazione dei percorsi per le Unità di Malattie infettive non debba essere organizzata in maniera diversa, perché oltre ai casi sospetti di Coronavirus c’è la normale attività dei reparti che deve proseguire serenamente”.

Controlli su tutti i passeggeri in arrivo con voli internazionali

“Stiamo facendo controlli su tutti i passeggeri che provengono da voli internazionali anche perché quelli che provengono da altri aeroporti molto spesso sono già stati controllati nel primo punto di arrivo. Per quanto riguarda i passeggeri in arrivo da Milano è uno dei temi che si sta affrontando al tavolo nazionale riunito alla Protezione civile”. Ha proseguito l’assessore alla Salute. “Ho letto, soprattutto sui social, che ieri all’aeroporto di Catania non erano stati effettuati controlli sui passeggeri – ha aggiunto Razza – Ecco, nella sola giornata di ieri, sono stati controllati 30 voli provenienti dall’estero e circa 3050 passeggeri”.