Coronavirus, FOCUS sul caso della donna partita da Reggio Calabria e ricoverata all’Ospedale Regina Margherita di Torino

Coronavirus

Coronavirus, tutti i dettagli sul caso della donna partita in treno da Reggio Calabria ieri sera e ricoverata oggi all’Ospedale Regina Margherita di Torino

La notizia della donna partita in treno ieri sera da Reggio Calabria e ricoverata oggi all’Ospedale Regina Margherita di Torino perchè risultata positiva al Coronavirus dopo una prima analisi, ha fatto molto scalpore in riva allo Stretto. I soliti sapientoni la etichettano come una fake news, fatto sta che al momento nessuno l’ha smentita e la Prefettura di Reggio Calabria sta lavorando per accertare come siano andate le cose. La notizia, fornita dall’inviato di Canale 5 durante la trasmissione “Pomeriggio 5“, è stata confermata anche dall’edizione serale del Tg5 e del TgCom.

I casi di Coronavirus accertati in Piemonte al momento sono 3, e tutto gravita proprio intorno all’Ospedale Regina Margherita di Torino dove sono risultati positivi i genitori di una bambina che è ricoverata nella struttura. La bambina è risultata negativa al virus, che in tutto il mondo sembra aver graziato gli Under 10, ma entrambi i genitori sono risultati positivi. Il padre non ha sintomi e si trova in isolamento domiciliare a Cumiana, la mamma è invece ricoverata con la figlia al Regina Margherita in una camera a pressione negativa totalmente isolata.

Il terzo caso accertato dalla Regione Piemonte è un 40enne che lavorava a Codogno e vive a Torino. In questo momento è ricoverato all’Amedeo di Savoia ed è in buone condizioni.

La notizia della donna partita in treno ieri sera da Reggio Calabria e positiva al Coronavirus è ribadita dagli inviati di Tg5 da ormai oltre 7 ore, non è stata confermata dalle autorità competenti ma neanche smentita. E’ bene precisare che in ogni caso il fatto che l’Ospedale Regina Margherita di Torino sia una struttura pediatrica non significa che non possa essere ricoverata una donna per Coronavirus, e che la donna partita in treno ieri sera da Reggio verso Torino non ha nulla a che vedere con gli altri casi sospetti di donne rientrate a Reggio Calabria dal Nord e sottoposte a controlli ai Riuniti (risultate tutte negative). Come ogni weeekend, molti reggini e calabresi ripartono la domenica sera per tornare al lavoro al Nord e probabilmente questa signora è proprio una dei tanti pendolari calabresi emigrati al settentrione.

Anche Repubblica, tra le varie fonti più autorevoli, cita il caso parlando di “giallo” del quarto caso in Piemonte.

Intanto alle 22:52 la Prefettura di Reggio Calabria comunica che “I funzionari della Prefettura di Torino non hanno evidenze che confermino la notizia della positività al Coronavirus della donna proveniente da Reggio Calabria“. Sul caso rimane un alone di mistero.

Coronavirus, la Prefettura di Torino: “tra le 4 persone positive non c’è alcuna donna proveniente da Reggio Calabria”