fbpx

Appalti: Oice, ‘+60% gare Bim in 2019, servono regole certe per digitalizzazione’

Roma, 13 feb. (Adnkronos) – “Sono necessarie regole certe e stabili per la digitalizzazione”. è quanto chiede l’Associazione delle società di ingegneria e architettura a commento della presentazione dei dati del terzo Rapporto Oice sulle gare pubbliche 2019 che prevedono l’utilizzo delle metodologie digitali Bim (Building Information Modeling) nell’ambito delle procedure di affidamento di servizi di ingegneria e architettura. I dati dimostrano, dopo la crescita del 2018 (+263,9% sul 2017), un ulteriore balzo del 58,3% sul totale del numero delle gare dell’anno precedente ed evidenziano come progetti in Bim siano chiesti anche per importanti accordi quadro.
Nel 2019 sono stati pubblicati 478 bandi Bim; in valore si tratta di 296,3 milioni di euro, rispetto al totale di 1.502 milioni di tutto il mercato dei servizi di ingegneria e architettura (il 19,7% del totale). Altro dato di rilievo riguarda l’aumento del numero di capitolati informativi allegati ai disciplinari di gara: nel 2019 sono stati 110, pari al 23% del totale delle gare Bim, mentre erano stati soltanto 36 nel 2018, pari all’11,9% delle gare pubblicate. Interessante anche il più frequente richiamo negli atti di gara a figure quali i Bim Manager e i Bim Specialist da inserire nel team di progettazione, a volte anche con richiesta di competenze certificate.