fbpx

Si sblocca la vertenza sul raddoppio Cefalù Castelbuono: lunedì ripartono i lavori

Vertice Raddoppio Cefalù-Castelbuono

Ripartono da lunedì i lavori per il raddoppio Cefalù-Castelbuono. L’ad Alfonso Toto ha inoltre sottoposto al Governo Musumeci un cronoprogramma riaggiornato che prevede per il 2020 una produzione di oltre 87 milioni di euro. Falcone: “a partire dalla primavera aumento del personale”

Si è tenuta nella sede dell’Assessorato regionale alle Infrastrutture la riunione dedicata alla vertenza riguardo i lavori raddoppio ferroviario Cefalù Ogliastrillo-Castelbuono. Presenti al tavolo voluto dall’assessore regionale Marco Falcone, i rappresentanti delle sigle sindacali, l’ad di Toto costruzioni Alfonso Toto e il direttore territoriale di Rfi Filippo Palazzo.

“I vertici della stazione appaltante – dichiara l’assessore Falcone – hanno preso l’impegno al riavvio del cantiere per lunedì prossimo, dopo aver fornito garanzie sull’avvenuta risoluzione delle problematiche organizzative dell’impresa che avevano portato allo stallo sui lavori. L’ad Alfonso Toto ha inoltre sottoposto al Governo Musumeci un cronoprogramma riaggiornato che prevede per il 2020 una produzione di oltre 87 milioni di euro che dovranno diventare 108 milioni circa nel 2021, oltre 90 milioni nel 2022 e 39 milioni nel 2023″.

“Nell’ottica di tale progressivo rilancio del cantiere – prosegue Falcone- si registrerà a partire dalla primavera l’aumento del personale impiegato sui vari fronti dell’opera, con l’impegno a mantenere saldo e proficuo il rapporto con manodopera e fornitori locali. Fra venti giorni – preannuncia poi Falcone – saremo inoltre sul posto per una verifica sul campo del rispetto degli accordi presi oggi fra Regione, Toto costruzione, Rfi, sindacati e lavoratori nello spirito di una virtuosa sinergia che dovrà consegnare, entro il 2023, un’opera che rivoluzionerà il trasporto ferroviario fra Palermo, l’aeroporto di Punta Raisi, Cefalù e l’intero settore tirrenico della Sicilia”.