Reggio Calabria, morto in circostanze misteriose un noto avvocato penalista: la Procura continua a indagare dopo l’autopsia

giuseppe passalia avvocato

Reggio Calabria: il noto avvocato Giuseppe Passalia è deceduto sabato sera

E’ mistero sulla morte di Giuseppe Passalia, 55 anni, deceduto sabato sera in circostanze misteriose, dopo un volo dal quarto piano di un palazzo abbandonato di Ferrito a Villa San Giovanni. Passalia viveva a Gallico, era un noto penalista del Tribunale di Reggio Calabria, impegnato come difensore in molti importanti processi. Passalia era anche un grande sportivo ed era dirigente sportivo del Gallico Catona. La Procura della Repubblica ha disposto l’autopsia, che si è svolta ieri, per chiarire quanto possibile sulla morte dell’uomo, mentre gli investigatori stanno tentando di ricostruire gli ultimi giorni di vita dell’avvocato, partendo da un sopralluogo di lavoro che avrebbe effettuato proprio nel luogo in cui poi è stato ritrovato morto. L’ipotesi di un suicidio per problemi di salute è al momento la più convincente, ma gli inquirenti non vogliono lasciare nulla al caso.

Questo pomeriggio alle ore 15:30 presso il Santuario Maria SS. della Grazia in Gallico Superiore si svolgeranno i funerali in cui la città e il Foro reggino si stringeranno intorno alla famiglia per testimoniare le più sentite condoglianze e piangere la perdita di un apprezzato e stimato professionista.

I Penalisti reggini salutano Peppe Passalia

“Non accade tutti i giorni di riuscire a fermarsi e scambiare due parole con un collega; i tempi delle udienze di un avvocato al giorno d’oggi sono convulsi.

Ma quando accadeva di fermarsi e fare due chiacchiere con Lui, ti infondeva un senso di serenità che è indescrivibile.

Era schivo e riservato, soprattutto quando si discuteva in gruppo e non aveva particolare confidenza con qualcuno dei suoi interlocutori. In questo caso, era difficile riuscire a coinvolgerlo. Se ne stava quasi in disparte ad ascoltare.

Ma quando riusciva a superare questa ritrosia, mostrava il suo garbo, la sua gentilezza… la sua serenità. Era schivo e riservato… ma anche estremamente gentile e corretto.

Ti rivolgeva un sorriso che non era di facciata… non era per tutti. Ma quando te lo rivolgeva, capivi che eri parte della sua vita.

Anche quando accadeva di trovarsi in momenti di udienza delicati e difficili, era sempre lì ad infonderti serenità. Quasi a voler dire: «…ma in fondo, è solo una udienza. La vita non finisce qua!».

Accadeva quindi di fermarsi a discutere della vita privata, e della sua infinita passione calcistica. E era un fiume in piena.

Ne discutemmo quasi casualmente qualche mese addietro… a novembre. Mi dette l’impressione di essere un uomo che aveva raggiunto un traguardo nella vita. E ne mostrava soddisfazione e gioia.

Per questo, ancora adesso, non riusciamo a comprendere.

Scusaci, Peppe, se non ti abbiamo capito.

Riposa in pace”.

PASSALIA GIUSEPPE