fbpx

‘Ndrangheta, le intercettazioni degli affiliati su Gebbione: “è la San Marino di Reggio Calabria”

gebbione

Le intercettazioni degli affiliati alla cosca Labate di Reggio Calabria

La San Marino di Reggio Calabria“. Cosi’ gli affiliati alla cosca Labate di Reggio Calabria definivano, in dialoghi che sono stati intercettati, il quartiere Gebbione, un ampio territorio nella zona sud della citta’. E’ uno degli elementi emersi dall’inchiesta “Helianthus” condotta dalla Squadra mobile reggina diretta da Francesco Ratta’ con il coordinamento della Dda che ha portato all’arresto di 14 persone tra capi e gregari della ‘ndrina. “Non c’era attivita’ commerciale – ha detto il procuratore di Reggio Giovanni Bombardieri incontrando i giornalisti – al dettaglio o all’ingrosso, che non fosse taglieggiata sistematicamente dagli arrestati, tutti appartenenti alla cosca capeggiata dal boss Pietro Labate, dai suoi fratelli e dai loro accoscati. L’indagine ha preso avvio quattro anni orsono dopo la cattura di Pietro Labate, che nel quartiere godeva di protezione e complicita’. Una cosca, quella dei Labate, detti ‘i ti mangiu’, che era riuscita a crearsi uno spazio autonomo, equidistante, nella guerra di ‘ndrangheta degli anni ’80 tra il raggruppamento capeggiato dai De Stefano e gli scissioni capeggiati dal capo bastone Pasquale Condello ‘il supremo’. Da qui i Labate hanno costruito un’immensa fortuna, soffocando letteralmente ogni attivita’ imprenditoriale nel territorio sud cittadino, tra le Sbarre Centrali e il mare. Un territorio vasto, economicamente vivace per la presenza di centinaia di piccole e grandi attivita’, di iniziative nel settore edile, dove l’imposizione della tangente era una prassi a cui molti si piegavano per paura di gravi ritorsioni”. Il questore Maurizio Vallone ha sottolineato da parte sua “il valore degli imprenditori di collaborare in questa indagine, che hanno avuto la forza di denunciare, ma possiamo affermare che oggi a Reggio e in Calabria sono di gran lunga migliorate le condizioni di fare impresa liberamente, perche’ noi, lo Stato, ci siamo“. Il dirigente della squadra mobile Francesco Ratta’, tracciando i profili degli arrestati, ha evidenziato “la storica appartenenza alla cosca Labate di Domenico Foti ‘vecchia romagna’, di 59 anni, imprenditore all’ingrosso di prodotti di carta e plastica, e Orazio Assumma, 60 anni, che imponeva a tutti gli imprenditori edili che costruivano nel ‘Gebbione’ di rifornirsi nel negozio di materiali del figlio, di fatto nella sua disponibilita’“. Ratta’ ha anche reso noti i contenuti di alcune conversazioni tra gli elementi della cosca e i taglieggiati: “Qui si paga, non c’e’ niente per nessuno. O e’ carne o e’ brodo, tutti devono darci conto e pagare”.

Maxi blitz contro la ‘Ndrangheta di Reggio Calabria, 14 arresti: decapitata la potente cosca Labate “Ti Mangiu”, tutti i NOMI, le FOTO, i VIDEO e i DETTAGLI