fbpx

Reggio Calabria piange Mimmo Vercelli: è morto l’ultimo armaiolo del sud. L’orgoglio del figlio Giuseppe: “papà era il numero uno, la bottega rimane così com’è” [VIDEO]

  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
  • Foto Patrizia Quattrone
    Foto Patrizia Quattrone
/

L’ultimo armaiolo del sud era nato a Reggio Calabria nel 1940 ed è morto nella sua città lo scorso 28 Dicembre, dopo una vita dedicata alle armi

Lo scorso 28 Dicembre è morto a Reggio Calabria Demetrio Vercelli, per tutti “Mimmo”, noto per essere l’ultimo armaiolo del Sud. Nato nel lontano 1940 in riva allo Stretto, a soli 13 anni aveva iniziato a lavorare come apprendista armaiolo. Una volta terminato il servizio militare, su richiesta del proprietario del laboratorio e grazie all’aiuto del padre, ha rilevato l’attività del suo titolare compresa di attrezzatura. Mimmo ha sempre continuato ad utilizzare gli strumenti con i quali aveva aperto bottega a Reggio Calabria nel 1965. Il laboratorio è rimasto esattamente com’era all’ora, come se fosse una grande capsula in cui il tempo si era fermato conservando una parte importante della memoria di questa città.

Padre esemplare e grande lavoratore, figura di riferimento nella attività di riparazione delle armi, Mimmo ha lasciato lascia un grande vuoto nel cuore di amici e parenti.

Morto l’ultimo armaiolo del sud: intervista al figlio Giuseppe Vercelli [VIDEO]