fbpx

Macellazione clandestina, scoperta fattoria lager a Messina: trovato un maiale appena eviscerato [FOTO]

/

Scatta il sequestro in un casale lager a Messina. Il proprietario, soggetto già noto alle Forze dell’Ordine, è stato denunciato per macellazione clandestina, maltrattamento di animali e detenzione di coltelli di genere vietato

Nel corso dell’ordinanaria attività di controllo del territorio, questa mattina la Sezione Specialistica della Polizia Municipale ha intercettato un motociclo che trasportava un quarto di maiale macellato da poco. Nonostante l’intimazione, il mezzo non si fermava all’alt e si disfaceva del carico dandosi alla fuga. Prontamente il Commissario Giardina disponeva le pattuglie in modo da circoscrivere l’area di fuga e riusciva a intercettare il soggetto che si era dato alla fuga nella via nazionale di Mili Marina.

Dopo avere acquisito le prime informazioni dal soggetto fermato, il Commissario Giardina unitamente agli Agenti della Polizia Specialistica Ispettori Visalli, Cifalá, Triolo, Giunta, Chirieleison e Peditto, si dirigevano verso un fabbricato che si trovava in località Vallone Guidari in un punto particolarmente impervio, raggiungibile solo a piedi o con le motociclette in dotazione alla Polizia Municipale.
Sul posto veniva trovato un maiale appeso, appena macellato ed eviscerato.

Inoltre venivano rinvenuti altri maiali, ovini e animali da cortile, tutti privi di marchiatura e documentazione sanitaria.
È stato quindi richiesto l’intervento del servizio veterinario dell’Asp che interveniva con il dott. Franchina e il dott. Pagano, che hanno confermato che l’animale macellato non era idoneo al consumo umano e, a seguito di comunicazione con il PM di turno, ne è stata disposta la distruzione in loco.
Il proprietario del casale, soggetto già noto alle Forze dell’Ordine, è stato denunciato per macellazione clandestina, maltrattamento di animali e detenzione di coltelli di genere vietato.
Il resto degli animali sono stati sequestrati per essere sottoposti ai necessari controlli sanitari.

Sono stati inoltre sequestrati i coltelli e gli attrezzi utilizzati per la macellazione clandestina.