fbpx

Gb: da Antitrust britannico maxi multa di oltre 5 mln a chitarre Fender

Londra, 23 gen. (Adnkronos) – Dall’Antitrust britannico arriva una maxi multa da 4,5 milioni di sterline (circa 5,32 mln di euro) a Fender, il famoso produttore Usa di chitarre. Ad annunciarlo è la Competition and Markets Authority. Fender è stata ritenuta colpevole di avere voluto limitare i rivenditori nel Regno Unito impedendo loro uno sconto sui prezzi online.
Dal 2013 al 2018, Fender, sottolinea l’Authority, ha imposto ai suoi rivenditori di vendere le chitarre “ad un prezzo minimo o superiore”. Questo tipo di pratica illegale, rileva la Cma, “ha impedito ai clienti la possibilità di trovare un’offerta migliore perché tutti i rivenditori tendono a vendere a un prezzo simile”. Nel corso della sua indagine, la Cma ha trovato delle prove delle pressioni esercitate da Fender.
“è assolutamente essenziale che le aziende non impediscano alle persone di poter effettuare acquisti al miglior prezzo possibile”, commenta il Ceo di Cma, Andrea Coscelli. “Ciò è particolarmente importante per articoli costosi e popolari come le chitarre. Le azioni poste in essere da Fender potrebbero avere avuto un grande impatto sui clienti”, aggiunge. “Questo comportamento – osserva – è contro la legge. E se infrangi la legge sulla concorrenza dovrai affrontare gravi ripercussioni”. Casio, pochi mesi fa, era stato multato per 3,7 mln di sterline (circa 4,38 mln di euro) per un comportamento simile in relazione alla vendita di pianoforti o di tastiere musicali.