fbpx

Fisco: M5S, taglio cuneo premessa a riforma Irpef

Roma, 18 gen. (Adnkronos) – ‘Stiamo realizzando punto per punto il programma elettorale che ci ha permesso di vincere le politiche del 4 marzo 2018. Dopo il Decreto dignità, il Reddito di cittadinanza, Quota 100, la proroga dell’Ape sociale e di Opzione Donna e la tassa al 15% per le Partite Iva sotto i 65.000 euro di fatturato, è il turno del taglio al cuneo fiscale, 3 miliardi di euro per 16 milioni di lavoratori dipendenti che vedranno aumentare le loro buste paga”. E’ quanto si legge in un post pubblicato sul Blog delle stelle.
“Ma non è finita qui. Il taglio del cuneo, che partirà da luglio di quest’anno, è solo la premessa -si legge ancora nella nota- ad una più generale riforma dell’Irpef che stiamo studiando da alcuni mesi e che porterà risparmi ancora più consistenti per il ceto medio, senza dimenticare i pensionati e gli incapienti (coloro che non pagano tasse perché percepiscono redditi molto bassi). è una riforma epocale che partirà nel 2021 e con la quale proveremo a ridurre da 5 a 3 le aliquote Irpef e ad introdurre il quoziente familiare, così da rendere più snello e moderno il sistema fiscale italiano”.
“Lavoratori, pensionati, precari, disoccupati: chi è stato colpito dalle politiche di austerità dei governi passati -conclude il post- sarà sempre al centro della nostra azione politica”.