fbpx

Comandante Ong multato: “Sanzione ingiusta, voglio incontrare Lamorgese”

Palermo, 12 gen. (Adnkronos) – (di Elvira Terranova) – Chiede di “potere incontrare al più presto” la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese “per sollecitare il governo ad abrogare i decreti sicurezza” che sono “delle leggi disumane” e “non degne di un paese come l’Italia”. Claus Peter Reisch, il Comandante della nave ‘Eleonore’ della ong tedesca Lifeline, che la scorsa estate salvò nel Mediterraneo dal naufragio 104 persone, è molto amareggiato. Ieri ha avuto notificato dallo Stato Italiano una maxi multa da 300 mila euro per avere disatteso il decreto sicurezza bis entrando, lo scorso 2 settembre, in acque italiane con i 104 migranti a bordo. “L’interessato – si legge nella multa che gli è stata notificata – è ammesso al pagamento di una somma in misura ridotta pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista per la violazione commessa o pari al doppio del relativo importo e precisamente la somma di 300 mila euro entro il termine di 60 giorni dalla contestazione”.
“Tutto questo è ingiusto – dice all’Adnkronos il bavarese Reisch, raggiunto in Germania – Io vengo punito per avere salvato 104 vite umane. E’ davvero incredibile”. “Secondo l’Italia avrei disatteso il decreto sicurezza fortemente voluto da Salvini, ma io quella notte ero stato costretto a dichiarare lo stato di emergenza a bordo – racconta Reisch – cosa altro dovevo fare? C’era stato un forte temporale, non si vedeva niente, la visibilità era pari allo zero e le 104 persone erano quasi tutte all’aperto, sul ponte della nave, stipate in poco più di 40 metri. Ognuno poco meno di mezzo metro di spazio a disposizione. Ed erano a bordo da più di una settimana. Dopo il temporale erano tutti bagnati fradici. Erano persone, come si fa a non capirlo? Per cercare di farli riscaldare li abbiamo fatti scendere nelle nostre cabine, quelle dell’equipaggio. Gli abbiamo fatto usare i nostri bagni, pure l’infermeria. Insomma, tutti gli spazi disponibili. Ma non bastavano”.