fbpx

Trasporto aereo: Cda Easa a Colonia, focus su clima e su brexit

Roma, 13 dic. (Adnkronos) – Le sfide legate alla congestione e la mancanza di capacità aerea e terrestre; l’ottimizzazione delle rotte per la riduzione delle emissioni di CO2, le tecnologie digitali che possono contribuire a migliorare la gestione del traffico aereo; gli effetti della Brexit sull’industria e sull’Easa; la revisione della regolazione e il Piano Europeo per la safety dell’aviazione; il progetto Ecolabel lanciato a giugno 2019 per attribuire un marchio di qualità ecologica alle prestazioni delle compagnie aeree. Sono questi i temi affrontati nel corso del Cda dell’Easa, l’Agenzia europea per la sicurezza aerea, al quale hanno partecipato a Colonia (ieri e oggi) per l’Enac il direttore generale Alessio Quaranta, il vice direttore generale Alessandro Cardi e il Direttore Operazioni Centro Marco Silanos.
In apertura si è svolta l’elezione del nuovo Presidente del Management Board Easa che riunisce i rappresentanti degli Stati membri dell’Agenzia e della Commissione europea. I partecipanti hanno eletto all’unanimità Piotr Samson, Direttore Generale dell’aviazione civile della Polonia.