fbpx

Messina: Unime, Casa Circondariale e aRteventi siglano insieme per il reinserimento sociale dei detenuti

Il protocollo d’intesa, che rappresenta un nuovo tassello del progetto “Teatrali-percorsi di integrazione e libertà”, testimonia ulteriormente il sostegno dell’Ateneo di Messina per le iniziative a sfondo culturale e sociale

Questo pomeriggio, presso il teatro “Piccolo Shakespeare” della Casa Circondariale di Gazzi, sarà siglato un protocollo d’intesa fra l’Università di Messina, la stessa Casa Circondariale e l’Associazione culturale D’aRteventi. L’accordo è finalizzato al reinserimento sociale dei detenuti mediante una sempre maggiore crescita culturale.

Il protocollo d’intesa, che rappresenta un nuovo tassello del progetto “Teatrali-percorsi di integrazione e libertà” (sostenuto dalla Caritas diocesana e organizzato da D’aRteventi), testimonia ulteriormente il sostegno dell’Ateneo peloritano per le iniziative a sfondo culturale e sociale.

Dopo la firma, seguirà una lezione-spettacolo (con la regia di Tindaro Granata), sul titolo liberamente tratto dall’ultimo album di Mina e Ivano Fossati, “E allora sono tornata”. La lezione-spettacolo sarà interpretata dalla “Libera Compagnia del Teatro per Sognare” al femminile.