fbpx

Messina, taglio del nastro alla Caserma Crisafulli: si inaugura l’asilo aziendale “Lupetto Vittorio”

asilo nido Lupetto Vottorio caserma zuccarello messina

Le aree esterne e interne sono state abbellite dagli istituti scolastici Basile e Verona Trento. L’asilo sarà gestito dalla Messina Social City

Domani, mercoledì 18, alle ore 10, alla caserma “Crisafulli – Zuccarello” sul viale Europa, alla presenza del Sindaco Cateno De Luca, del Vicesindaco Salvatore Mondello, dell’Assessore alle Politiche Sociali Alessandra Calafiore e del Comandante della Brigata Aosta Generale Bruno Pisciotta sarà inaugurato l’asilo nido aziendale “Lupetto Vittorio”. Nei giorni scorsi è stata firmata la convenzione tra il Comune di Messina ed il Comando Brigata Aosta in nome e per conto del Ministero della Difesa, che prevede l’utilizzo di un asilo realizzato all’interno della caserma, secondo i canoni di architettura più avanzati e fruibile sia per i figli dei dipendenti dell’esercito che per quelli dei cittadini messinesi. Le aree esterne e interne sono state abbellite dagli istituti scolastici Basile e Verona Trento. L’asilo sarà gestito dalla Messina Social City e rientra nell’ambito di un programma generale portato avanti dall’Amministrazione comunale per il reperimento di somme e per la realizzazione di asili nido, nell’ottica di un’incisiva riqualificazione della città. Al momento dell’insediamento dell’Amministrazione De Luca erano funzionanti due strutture adibite ad asilo nido con circa 65 posti disponibili. Dopo diciotto mesi, entro gennaio 2020, si arriverà a 128 posti con l’apertura degli asili Lupetto, San Licandro e a Palazzo Zanca. L’Amministrazione comunale ha programmato una serie di interventi e finanziamenti per 3 milioni e mezzo di euro per avere 230 posti entro i prossimi due anni. Questa cifra prevede la costruzione di asili nido a villaggio Matteotti per 150 mila euro, a Santa Margherita Briga per 350 mila, a Serri per 800 mila, un asilo all’ex scuola Capitan Traina per un milione e 200 mila e un altro all’ex scuola via Brasile per un importo di un milione di euro.