fbpx

Messina, chiusa la pista di ghiaccio a Piazza Cairoli. L’Assessore Musolino: “non si fanno sconti a nessuno”

pista di ghiaccio piazza cairoli

Messina, chiusa la pista di ghiaccio a Piazza Cairoli per mancanza di licenza. L’assessore Musolino: “sulle verifiche non si scherza e non si fanno sconti a nessuno”

“Con riferimento alla vicenda della pista di ghiaccio di Piazza Cairoli e all’attività di controllo e sanzione che è stata posta in essere dalla stessa Polizia Municipale di Messina, si deve prendere atto ancora una volta delle strumentalizzazioni e semplificazioni, frutto della mancata conoscenza dell’iter autorizzatorio, con le quali alcuni soggetti stanno cercando di addossare una qualche responsabilità all’amministrazione comunale. Merita di essere chiarito quanto segue: al momento dell’avvio di una attività commerciale e nello specifico di questo tipo di attività, il Soggetto richiedente deve fare due istanze, una di tipo amministrativo che è di competenza del Comune, ed un’altra, che attiene ai profili di pubblica sicurezza, che è di competenza del Questore”, è quanto scrive in una nota l’assessore Musolino.

Per esercitare l’attività, quindi –prosegue- l’operatore deve possedere tanto l’autorizzazione amministrativa che rilascia il Comune, quanto la Licenza di P.S. che rilascia il Questore. La licenza costituisce l’atto finale di questo doppio iter e viene comunicata solo al richiedente, che ha obbligo di tenerla esposta dentro il locale. Pertanto, quando un locale avvia la propria attività, il Comune esegue di regola una verifica sul posto, chiedendo di esibire tutti gli atti autorizzatori (scia sanitaria, scia amministrativa, occupazione suolo, certificati sanitari, contratti del personale impiegato, etc.), che le licenze (di P.S., di vendita alcolici, di attività specifiche etc.).

Assessore Dafne Musolino

Questo controllo viene fatto solo alla fine dell’iter e che di regola precede l’apertura, e consente di incrociare i dati, ossia di verificare che chi esercita l’attività non abbia saltato alcun passaggio soprattutto quando si tratta di atti che provengono da diverse amministrazioni (ASP, Comune, Questura, VV.FF., etc. etc.). Dunque non c’è alcuna contraddizione o farsa in quello che è accaduto ieri sera a Piazza Cairoli, perché anche se si presume (accordando a tutti il beneficio della buona fede salvo prova contraria) che l’esercente abbia tutto in regola, l’Amministrazione non omette mai di verificare che sia proprio così. E ieri i fatti hanno dimostrato che sulle verifiche non si scherza e non si fanno sconti a nessuno. La pista di ghiaccio aveva aperto senza attendere di ricevere la Licenza della Questura. Per questo è stata sanzionata e fatta chiudere, quando avrà tutto in regola potrà riaprire”, conclude.