fbpx

Capodanno: notte ideale per concepire un figlio, soprattutto in Sicilia e Liguria. L’esperto: “Messina la città in cui la cicogna è più aiutata”

L’esperto: “La temperatura maggiormente favorevole per concepire è 12 gradi la notte. Messina la città in cui la cicogna è più aiutata, seguono Pantelleria e Finale Ligure”

“Messina è la città in cui in questo periodo è più facile concepire”. dirlo all’AdnKronos Salute Italo Farnetani, docente alla Libera Università Ludes di Malta. Il periodo delle festività natalizie è decisamente il più ideale per concepire un figlio e incidono molto, oltre al relax e l’entusiasmo delle feste, il prolungamento delle ore ore di luce e il raggiungimento della temperatura notturna ideale, che si verifica specialmente in alcune aree del Paese, Sicilia e Liguria soprattutto. L’allungamento delle giornate, cominciato il 22 dicembre con il solstizio d’inverno, incide positivamente grazie a una quantità maggiore di luce ricevuta dall’organismo. “Se si pensa che il rapporto luce/buio è il più importante sincronizzatore per gli esseri viventi, è evidente l’effetto di un numero maggiore di ore di luce anche per la fertilità”, sottolinea Farnetani. La luce, infatti, “stimola la funzionalità ormonale della donna – precisa l’esperto – mentre temperature notturne miti ‘aiutano’ gli spermatozoi, danneggiati invece dal caldo eccessivo e rallentati dal freddo estremo”.

La temperatura maggiormente favorevole per concepire “è 12 gradi la notte”, ricorda Farnetani, elencando le località che domani sera saranno più ‘amiche della cicogna’. “Al top – ricorda – c’è Messina, con una temperatura tra 11 e 13 gradi. Al secondo posto ci sono Pantelleria e Finale Ligure. Segue Sanremo, seguita a sua volta da Imperia, Albenga e Alassio e, in pari posizione, Palermo e Marsala“. Il fenomeno “si presenta in modo costante dal 2002conclude il pediatra – E l’incremento del numero dei concepimenti a dicembre e gennaio, legato al diverso rapporto luce/buio, è più accentuato al Sud grazie alla maggior intensità della luce”.