fbpx

‘Ndrangheta: sequestro di beni ad un 58enne ritenuto affiliato alla cosca “Cerra-Torcasio-Gualtieri”

Operazione “Nippon”: sequestro di beni per oltre 500 mila euro riconducibili ad un soggetto ritenuto affiliato alla ‘ndrangheta calabrese

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bologna e del Comando Provinciale di Catanzaro, in esecuzione ad una misura di prevenzione patrimoniale disposta dal Tribunale di Bologna, hanno sequestrato – tra le province di Ferrara e Lamezia Terme (CZ) – un ingente patrimonio mobiliare ed immobiliare costituito da appartamenti, terreni, auto, conti correnti e una società operante nel commercio autovetture del valore complessivo di oltre 500 mila euro. I beni sottoposti a vincolo sono risultati nella disponibilità di T.S., classe ’61 nato a Nicastro ma residente dagli inizi degli anni 2000 a Jolanda di Savoia (FE), indiziato di appartenere alla cosca di ‘ndrangheta “Cerra-Torcasio-Gualtieri” operante in Lamezia Terme (CZ). Il provvedimento ablativo, disposto dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Bologna, costituisce l’epilogo di articolate indagini economico-patrimoniali condotte, ai sensi del cd. “Codice Antimafia”, dalle fiamme gialle del Gruppo di Lamezia Terme e del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Bologna sotto la direzione del Sostituto Procuratore della Repubblica Dottor Stefano Orsi della locale DDA e finalizzate al recupero di beni illecitamente detenuti. Gli accertamenti compiuti dai finanzieri hanno in primo luogo consentito di riscontrare, anche sulla base delle dichiarazioni rese da diversi collaboratori di giustizia, i legami con la criminalità organizzata calabrese del soggetto proposto i cui fratelli erano stati assassinati nel 2003 in un agguato mafioso inducendolo a cercare riparo nel ferrarese. Le investigazioni patrimoniali hanno poi permesso di accertare un rapporto di particolare “sproporzione” tra i redditi dichiarati dallo stesso e dal suo nucleo familiare e il patrimonio immobiliare e mobiliare riconducibile alla sua effettiva disponibilità che, di conseguenza, è stato sottoposto a sequestro in quanto ritenuto acquisito con proventi frutto di attività illecite.
L’attività di servizio conferma, ancora una volta, come uno dei prioritari obiettivi del Corpo è quello di aggredire, con le misure di prevenzione, i patrimoni illecitamente accumulati dalla cd. “criminalità da profitto”.