fbpx

Gb: Divella, ‘preoccupato per export agroalimentare italiano’

Milano, 13 dic. (Adnkronos) – L’uscita del Regno Unito dall’Unione europea porterà a una riduzione delle esportazioni del settore agroalimentare italiano, già colpite dal “protezionismo esasperato che sta prendendo sempre più piede nel mondo”. Vincenzo Divella, amministratore delegato del gruppo Divella, attivo nel settore alimentare e nella produzione di pasta di semola di grano duro, si dice “preoccupato” per la Brexit, ormai una certezza dopo la vittoria dei Conservatori di Boris Johnson dopo le elezioni generali di ieri. Contattato dall’Adnkronos, l’imprenditore sottolinea che “fortunatamente nel Regno Unito non ci sono grandi pastifici ed esporteremo ancora, ma a prezzi più alti”, con i consumatori “che saranno costretti a pagare di più” i prodotti alimentari italiani.
Dopo l’uscita del Regno Unito dalla Ue “mi aspetto che qualche dazio ci sarà, forse anche per la pasta”. Il gruppo Divella, il cui export rappresenta il 35% del fatturato da 320 milioni di euro, vende “moltissimo in Australia, Stati Uniti e Giappone”, mentre il Regno Unito rappresenta una quota contenuta delle esportazioni, sottolinea Divella.