fbpx

Reggio Calabria: cambio ai vertici dell’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Reggio Calabria: la sede secondaria con a capo il Dirigente di Sede dottor Massimo Nicolò e tutto il personale ivi allocato saluta con rispetto e gratitudine il Dirigente Nazionale dei Beni Confiscati dottoressa Matilde Pirrera

La sede secondaria di Reggio Calabria con a capo il Dirigente di Sede dottor Massimo Nicolò e tutto il personale ivi allocato saluta con rispetto e gratitudine il Dirigente Nazionale dei Beni Confiscati dottoressa Matilde Pirrera che dal 2015 ad oggi ha diretto egregiamente e con il conseguimento di grossissimi risultati l’ Agenzia Nazionale. Si rammenti che soltanto nel corso dell’anno 2018 l’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e destinazione dei beni confiscati ha restituito alla comunità calabrese ben 437 beni di cui 27 mantenuti al Patrimonio dello Stato per le esigenze delle Pubbliche Amministrazioni e recentemente in data 19 novembre 2019, 241 sono stati i beni confiscati oggetto di manifestazioni di interesse giunte dai comuni della provincia di Reggio Calabria.

Matilde Pirrera

Matilde Pirrera

La dottoressa Matilde Pirrera dopo aver contribuito a creare un rapporto sinergico fra gli tutti gli Enti e l’Agenzia dei Beni Confiscati ed una brillante carriera lascia l’Agenzia per andare a ricoprire l’incarico di Prefetto di Enna a far data dal 2 dicembre 2019. La sede di Reggio Calabria attende ora, dopo la presentazione che si è svolta presso la sala stampa del Ministero dell’Interno la presentazione del progetto Open Data Aziende Confiscate, la nomina di un nuovo Dirigente per il settore aziende.