fbpx

Mafia: Nicosia e il fedelissimo di Matteo Messina Denaro, ‘sono a disposizione’ (4)

(Adnkronos) – Un rapporto, quello tra Sacco e Nicosia, solido. Al punto che, spiegano gli investigatori, a distanza di pochi giorni dalla sua scarcerazione, avvenuta lo scorso 21 ottobre dopo una lunga detenzione nel carcere di Nuoro, e il suo rientro a Castelvetrano, Nicosia non ha esitato a fargli visita, violando le prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune del Trapanese a cui Sacco è stato sottoposto.
Le indagini, infatti, hanno accertato che nella tarda serata del 29 ottobre scorso, tre giorni dopo l’arrivo di Sacco nella patria della primula rossa Matteo Messina Denaro, l’assistente parlamentare oggi arrestato, “previ contatti telefonici con sua sorella Rosanna Sacco al fine di evitare possibili attività intercettive e controlli” ai quali Sacco avrebbe potuto essere sottoposto, si è recato a casa del sorvegliato speciale a Marinella di Selinunte.