fbpx

Mafia: depistaggio Borsellino, svelati i verbali inediti delle trascrizioni Scarantino con i pm (2)

(Adnkronos) – E le trascrizioni riguardano proprio Scarantino, salvato ieri dalla prescrizione. Secondo i giudici del Borsellino quater di primo grado Scarantino “fu indotto a mentire con particolare pervicacia e continuità con l’elaborazione di una trama complessa che riuscì a trarre in inganno i giudici dei primi due processi” e poiché ciò ha prodotto ‘uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana”, è lecito ‘interrogarsi sulle finalità realmente perseguite dai soggetti, inseriti negli apparati dello Stato, che si resero protagonisti di questo disegno criminoso”.
Adesso le trascrizioni, sei cartelle in tutto, sono state inviata dal Procuratore capo di Messina Maurizio de Lucia ei colleghi di Caltanissetta impegnati nell’inchiesta sul depistaggio. Il contenuto non è mai stato svelato, a 27 anni dalla strage. Anche su questo indagano i pm nisseni. Perché ci sono voluti quasi 30 anni per conoscere cosa c’era scritto in quelle trascrizioni? Una cosa è certa, ci sono le telefonate che si scambiarono all’epoca Scarantino e certamente il pm Carmelo Petralia, indagato con la collega Annamaria Palma che all’epoca indagarono sulla strage.