fbpx

Esplosione Alessandria, 3 Vigili del Fuoco morti: la Procura conferma, “atto doloso, bombe innescate con la volontà di uccidere”

  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
  • Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
    Ufficio Stampa Vigili del Fuoco/LaPresse
/

Esplosione Alessandria, le parole del procuratore

Chi l’ha fatto, lo ha fatto per uccidere“: cosi’ il procuratore di Alessandria Enrico Cieri, che questa mattina ha fatto il punto sulle indagini relative all’esplosione di Quargnento che, nella notte tra lunedi’ e martedi’, ha causato la morte di tre vigili del fuoco. “E’ chiaro che il gesto – aggiunge il magistrato – non si inquadra in ripicche di vicinato, ma e’ ben piu’ grave”. “L’attivita’ investigativa continua – dice il procuratore Cieri – E’ stato conferito l’incarico al Ris di Parma per l’acquisizione di tutte le possibili tracce sui reperti che a mano a mano vengano raccolti, da quelli biologici a quella dattiloscopici. E’ un lavoro che parte oggi e’ andra’ avanti fin quando sara’ necessario, cosi’ come continua l’attivita’ sul luogo di bonifica e messa in sicurezza dell’area“. Gli accertamenti tecnici proseguono anche con “l’acquisizione delle memorie delle telecamere di videosorveglianza della zona, per verificare la presenza e i movimenti di auto e persone“. In contemporanea, “continuano ad essere sentite piu’ persone per comprendere meglio cosa sia successo e chi abbia commesso l’atto scellerato“.