fbpx

Sostenibilità: i fattori Esg entrano nelle strategie delle aziende (2)

(AdnKronos) – La maggior integrazione a livello di organi di governo si riflette positivamente su tutti i processi di pianificazione e gestione dei temi Esg, delineando un generale percorso virtuoso, guidato da un gruppo significativo di best practice, verso la definizione di approcci strategici integrati. Dalla ricerca emerge, infatti, una crescita sostenuta (+90%) rispetto al 2017 dei Piani di Sostenibilità formalizzati e strutturati (di cui il 12% integrato con il Piano Industriale), che tuttavia riguarda solo il 22% delle aziende analizzate. Inoltre, il 53% delle società analizzate dichiara di aver implementato un sistema di identificazione e gestione dei rischi integrato, che include anche quelli di natura non finanziaria, con un aumento del 23% rispetto al 2017. Si nota, inoltre, come una più lunga esperienza di rendicontazione porti a una maggiore diffusione di questo modello.
Nelle aziende con più di 2 anni di rendicontazione alle spalle, infatti, i modelli integrati risultano molto più diffusi (70% del campione con più di 2 anni di esperienza). In sintesi l’analisi evidenzia come a fronte di un gruppo di aziende ‘best practices” che sta progressivamente integrando la sostenibilità all’interno dei propri processi gestionali, un numero ancora significativo di aziende considera il reporting non finanziario come un solo obbligo di compliance normativa.
I risultati dell’indagine sono stati al centro del convegno organizzato oggi da Nedcommunity e Kpmg con la collaborazione di Ubi Banca, al quale sono intervenuti esponenti del mondo della finanza, delle istituzioni, del credito e delle imprese. Dopo l’introduzione dell’Amministatore Delegato di Pramerica Sgr Andrea Ghidoni, e del presidente di Nedcommunity, Maria Pierdicchi, sono state presentate alcune evidenze della ricerca. è emerso come, seppur con un’applicazione variegata, il 100% delle società abbia deciso anche quest’anno di adottare gli standard di rendicontazione Gri (Global Reporting Initiative) identificando, come previsto dallo Standard e dal Decreto 254, i propri temi materiali.