fbpx

Rifiuti in Sicilia: “Riforma gattopardesca, finge di cambiare tutto per non cambiare nulla”

M5S: “Domani in Aula manifesteremo la nostra ferma opposizione ad un disegno di legge che non produrrà alcun risultato positivo per la Sicilia”. PD: “si rischia di creare contraccolpi anche sull’occupazione”

La riforma dei rifiuti proposta dal governo regionale è gattopardesca, finge di cambiare tutto per non cambiare nulla“. A dirlo è il gruppo del Pd all’Ars commentando la riforma del piano regionale dei rifiuti che da domani sarà all’esame dell’Aula. Oggi i deputati dem hanno incontrato a Palazzo dei Normanni sindaci, amministratori ed organizzazioni sindacali del settore.

“È stato un confronto utile e costruttivo con chi ha davvero il polso della situazione sul territorio – racconta il capogruppo Giuseppe Lupo – Siamo d’accordo con i sindaci: questa riforma non risolve uno solo dei problemi che abbiamo di fronte”. Secondo il Pd inoltre la proposta del governo “rischia di creare contraccolpi anche sull’occupazione”. “Proponiamo di modificare la parte che prevede la messa in liquidazione delle attuali Srr per creare nuovi enti di gestione e di prevedere invece l’adeguamento delle società esistenti attraverso modifiche agli statuti – affermano i dem – In questo modo si garantirebbe l’occupazione del settore e si eviterebbe di scaricare sui Comuni, e dunque sui cittadini, i debiti delle società”.

M5S: “Musumeci prende in giro il Parlamento”

E contro la riforma si schiera compatto anche il M5S: “Sul fronte rifiuti in Sicilia assistiamo all’ennesima presa in giro del governo regionale nei confronti dei cittadini. Il presidente Musumeci nell’ultima seduta d’Aula, chiedeva ai gruppi parlamentari un confronto sulla riforma dei rifiuti. E’ trascorsa una settimana e nessuna comunicazione è arrivata da Palazzo D’Orleans, quindi domani prenderà avvio la discussione generale senza che vi sia stata alcun confronto. Prendiamo atto di questa ennesima chiusura da parte del Governo. Domani in Aula manifesteremo la nostra ferma opposizione ad un disegno di legge che non produrrà alcun risultato positivo per la Sicilia”- dichiarano i deputati del Movimento 5 Stelle all’Ars. “Se il presidente della Regione vuol prenderci in giro, abbia l’intelligenza di farlo con tempistiche degne della più elementare logica” – concludono i deputati M5S.